Google Stadia: la latenza non sarà più un problema

Google Stadia: la latenza non sarà più un problema
di

Sempre più persone sono convinte che il futuro del gaming sia da ricercarsi nello streaming e nel cloud gaming. Uno dei problemi principali da risolvere in tal senso sarà la latenza, che potrebbe risultare molto fastidiosa per i giocatori. Google potrebbe esserci già riuscita.

Ne ha parlato la stessa azienda durante Google I/O illustrando le soluzioni che avrebbe trovato, in maniera anche abbastanza entusiastica: "Ci vorrà meno tempo perché un pacchetto dal datacentre vi raggiunga, rispetto a un comando del vostro cervello che raggiunge le vostre dita".

Stando a Google, il successo dello streaming di un gioco dipende dalla capacità di ridurre al minimo il ritardo e nel contempo trovare il corretto bilanciamento tra qualità e latenza. "Non c'è una singola ottimizzazione per rendere la tecnologia del cloud streaming perfetta, è sempre un continuo bilanciamento di una serie di compromessi. Se migliori una cosa, spesso va a discapito di un'altra cosa".

Google per ovviare al problema ha dunque creato un suo particolare algoritmo che permetta di ridurre la congestione e la perdita di pacchetti ancora prima che succeda.

"Dal lato del ricevente usiamo le estensioni WebRTC create dal nostro team in Svezia per disabilitare il buffering e mostrare le immagini appena arrivano. Per noi controllare la congestione e mantenere il buffering al minimo possibile è di vitale importanza."

In questo modo, con un algoritmo bene ottimizzato, Stadia potrà evitare alcuni dei tipici difetti che comunemente vengono associati ai servizi di streaming di videogiochi.

Ci riuscirà? Per il momento non possiamo che aspettare. C'è già però molta curiosità intorno a Google: Kojima è a favore dello streaming, una tecnologia che potrebbe cambiare il modo di giocare. Voi da che parte state? Per approfondire potete leggere il nostro speciale su Google Stadia.

FONTE: PC Gamesn
Quanto è interessante?
17