GTA 6: Rockstar Games riporta tutti in ufficio, il lavoro da remoto verrà limitato

GTA 6: Rockstar Games riporta tutti in ufficio, il lavoro da remoto verrà limitato
di

GTA 6 si appresta ad entrare nel suo ultimo anno di sviluppo (idealmente) e per questo Rockstar Games ha richiamato in ufficio tutti gli sviluppatori del team, chiedendo presenza fissa in ufficio per cinque giorni a settimana dal mese di aprile.

L'idea è quella di limitare il lavoro dei dipendenti da remoto in questa ultima fase di sviluppo e pulizia, aumentando così la produttività ma non solo, perché tra le motivazioni date ai dipendenti figura anche la maggior sicurezza dei progetti dello studio.

In altre parole, Rockstar Games vuole ridurre al minimo il furto di dati e il diffondersi di anticipazioni incontrollate sul prossimo GTA, per questo gli impiegati sono stati richiamati in ufficio dove vigono regole e protocolli di sicurezza realizzati ad-hoc per far lavorare i dipendenti in tutta tranquillità.

Questi cambiamenti, sottolinea il management, sono necessari per "lavorare nella miglior condizione possibile e lanciare il prossimo gioco di GTA con un livello di qualità elevato, rispettando le scadenze."

Secondo quanto dichiarato da Jason Schreier, vari dipendenti di Rockstar non sarebbero particolarmente entusiasti di questa decisione e il ritorno in ufficio per cinque giorni a settimana non è visto di buon occhio da alcuni sviluppatori che per motivi pratici e logistici preferiscono in lavoro da remoto.

Un lancio di GTA 6 a inizio 2025 è da escludersi, secondo Take-Two Interactive, e dunque possiamo aspettarci un debutto del gioco nella seconda metà dell'anno.

FONTE: Bloomberg

Questo testo include collegamenti di affiliazione: se effettui un acquisto o un ordine attraverso questi collegamenti, il nostro sito potrebbe ricevere una commissione in linea con la nostra pagina etica. Le tariffe potrebbero variare dopo la pubblicazione dell'articolo.

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
Unisciti all'orda: la chat telegramper parlare di videogiochi