Harry Potter, la storia dell'MMORPG cancellato: EA non credeva nel successo del maghetto

di

Oggi il brand videoludico di Harry Potter è saldamente nella mani di Warner Bros. Games, ma un tempo, quando il personaggio aveva appena fatto il suo debutto al cinema, era gestito da Electronic Arts, la quale dimostrò di non credere a fondo nel personaggio.

In questi giorni è emerso un retroscena risalente a inizio millennio, quando Electronic Arts puntava sui tien-di delle pellicole cinematografiche: c'è un'intera generazione di videogiocatori cresciuta con gli adattamenti di "La Pietra Filosofale" e "La Camera dei Segreti", qualitativamente non eccellenti ma più che adatti al loro scopo. Di recente abbiamo scoperto che all'epoca EA aveva per le mani anche un MMORPG di Harry Potter, che si trovava in fasi progettazione all'interno di uno dei suoi studi.

Kimberly Salzer, ex Director of Product Marketing alla quale dobbiamo la testimonianza, ha rivelato che la compagnia americana ha cancellato l'MMORPG di Harry Potter poiché non era sicura del successo a lungo termine del personaggio. Il maghetto aveva effettivamente mosso solo i primi passi, ed era ancora all'inizio della sua ascesa. In quegli anni non esisteva neppure World of Warcraft, MMORPG di grande successo giunto solo nel 2004, che avrebbe potuto convincere EA ad investire nel genere. Vi raccontiamo questa storia di poca lungimiranza nel video speciale in apertura di notizia: buona visione!

Quanto è interessante?
5