DS

Hideo Kojima sull'accoglienza ricevuta da Death Stranding e la sensibilità degli italiani

Hideo Kojima sull'accoglienza ricevuta da Death Stranding e la sensibilità degli italiani
di

Gian Luca Rocco ha intervistato Hideo Kojima per TGCOM 24, tra le tante domande poste al producer e creativo giapponese ne troviamo una legata all'accoglienza ricevuta da Death Stranding in Giappone, Europa e Nord America.

Ad una precisa domanda riguardo l'accoglienza riservata al gioco da parte della critica, Hideo Kojima sottolinea di aver ricevuto "recensioni entusiastiche" sopratutto in Giappone ed Europa mentre in Nord America non sono mancate critiche più dure:

"Forse è un gioco difficile da capire per un certo tipo di critica e di pubblico. Gli americani sono dei grandi appassionati di sparatutto in prima persona e Death Stranding non lo è, vola più in alto.
Io cerco sempre di creare cose nuove e vanno bene le controversie, le discussioni, però c'è da dire che gli italiani o i francesi hanno una sensibilità artistica diversa che permette loro di apprezzare questo genere di prodotti molto originali, non solo nei videogiochi ma anche nel cinema."

Potete leggere l'intervista completa su TGCOM 24, ricordiamo che Death Stranding è disponibile da oggi su PlayStation 4, su Everyeye.it trovate un lungo video gameplay con le prime sette ore di Death Stranding tratte dalla versione italiana, giocato da Alessandro Bruni. Per saperne di più sul gioco vi rimandiamo invece alla recensione di Death Stranding, buona lettura!

Quanto è interessante?
28