di

La lavorazione di Hogwarts Legacy si sta rivelando più travagliata del previsto, e per motivi che esulano dallo sviluppo vero e proprio. Dopo le critiche rivolte alla Rowling, che hanno spinto Avalanche ad implementare la possibilità di creare personaggi transgender, lo scorso mese è finito nella bufera il Lead Designer Troy Leavitt.

Leavitt è stato pesantemente attaccato dopo che un'analisi di alcuni vecchi video del suo canale YouTube hanno portato alla luce delle presunte tendenze estremiste, che hanno spinto i responsabili di ResetEra a boicottare Hogwarts Legacy sulle pagine del proprio forum e ad interrompere tutte le discussioni che lo riguardavano. Al terremoto hanno fatto seguito le dimissioni di Troy Leavitt da Avalanche Software all'inizio di questo mese con la promessa di chiarimenti esaustivi, che sono finalmente giunti.

In un nuovo video affidato al proprio canale YouTube, Leavitt ha esordito spiegando che nel gennaio del 2020, prima dell'emergenza sanitaria, ha ricevuto alcune "brutte notizie" relative alla sua famiglia. Nell'aprile dello stesso anno ha avvertito il team della sua intenzione di ritirarsi ad agosto, per recarsi in Nevada e stare vicino ai familiari. I vertici di Avalanche si sono mostrati comprensivi, e gli hanno detto che poteva prendersi una pausa e di tornare quando se la sentiva.

Leavitt ha poi affermato che in questo trambusto Warner Bros. si è rivelato un ottimo partner, e ha aggiunto che il management era a conoscenza del suo canale YouTube incriminato. Quando è scoppiata la polemica, Warner Bros. non ha esercitato alcuna pressione, e non l'ha mai invitato a ritirarsi o dimettersi. "Non mi sono mai sentito come se il mio lavoro o la mia posizione lavorativa fossero davvero minacciati". Dopodiché, ha deciso di proseguire con il suo piano originario e di lasciare Avalanche ed Hogwarts Legacy per stare vicino alla sua famiglia, non per la polemica scoppiata in rete.

L'ex Lead Designer ha poi dedicato alcune parole alle critiche che gli sono piovute addosso. Tra le altre cose, è stato accusato di essere anti-femminista e per aver difeso la posizione di John Lasseter, che ha lasciato Pixar a seguito di uno scandalo per molestie sessuali. "Io credo di non essere in alcun modo vicino alla destra alternativa. Non ho tendenze suprematiste. Non mi considero neppure un anti-femminista".

Leavitt ha lasciato un team nei confronti del quale nutre la massima stima. "Sfortunatamente, le cose sul fronte familiare sono peggiorare sensibilmente dall'inizio di febbraio di quest'anno. Adesso ritengo che la situazione sia cronica. Non credo di potermi occupare della mia famiglia e allo stesso tempo dedicare ad Hogwarts Legacy l'attenzione che merita".

Hogwarts Legacy, ricordiamo, è atteso nel 2022 su PS4, PlayStation 5, Xbox One, Xbox Series X|S e PC.

Quanto è interessante?
6