di

Avete già scaricato e provato la demo di Hyrule Warriors: Age of Calamity? Se non lo avete ancora fatto vi consigliamo di rimediare, essendo un ottimo diversivo in vista dell'uscita, in esclusiva su Nintendo Switch, del musou sviluppato da Koei-Tecmo e Omega Force.

Il canale YouTube VG Tech non s'è limitato a sgominare orde di nemici, ha anche passato sotto la sua lente d'ingrandimento l'aspetto tecnico del gioco. Ne è emerso che Hyrule Warriors: Age of Calamity gira in modalità docked con una risoluzione dinamica che varia da un minimo di 1013x570 a un massimo di 1440x810 (il secondo valore è il più frequente), con gli elementi dell'interfaccia utente renderizzati sempre a 1920x1080. Anche in configurazione portatile è stata implementata una soluzione dinamica, con valori che oscillano da 676x380 a 960x540 (quest'ultimo è più frequente), e con l'UI renderizzata sempre a 1280x720.

Oltre ad una pulizia delle immagine superiore, la modalità casalinga offre anche un distanza di visualizzazione e un LOD migliori. Le performance, invece, non brillano mai e sono sovrapponibili in entrambe le configurazioni. Il framerate è incredibilmente ballerino e i 30fps stabili sono un sogno irraggiungibile in combattimento, visto che per la quasi totalità del tempo il framerate oscilla da 20 a 30 fps. Assieme ad esso, balla in continuazione anche il frame time.

Giudicate voi stessi nella video analisi allegata in cima a questa notizia. È giusto far notare che, trattandosi di una demo, le performance e la qualità dell'immagine potrebbero non essere rappresentative del prodotto finale, pertanto rimandiamo qualsiasi giudizio definitivo al 20 novembre, giorno in cui uscirà in esclusiva su Nintendo Switch. Già che ci siete, vi consigliamo di approfondire la conoscenza del prequel di The Legend of Zelda: Breath of Wild leggendo la nostra anteprima di Hyrule Warriors: Age of Calamity.

Quanto è interessante?
6