Le IA serviranno per 'scrivere e tradurre videogiochi', dice il CFO di Xbox

Le IA serviranno per 'scrivere e tradurre videogiochi', dice il CFO di Xbox
di

E' ormai chiaro che Microsoft voglia puntare forte sulle IA generative data la recente partnership con Inworld, ed anche il pensiero di Tim Stuart, CFO di Xbox, si muove verso tale direzione: in futuro le intelligenze artificiali avranno un ruolo centrale nella creazione di un videogioco.

Anzi, per Stuart saranno fondamentali per gestire aspetti quali la localizzazione e persino la sceneggiatura di un gioco: "Uno sviluppatore riflette sempre sugli svariati milioni di dollari spesi per la traduzione e la sceneggiatura di un gioco, spesi per spingere i giocatori ad andare da un punto A a un punto B e per i dialoghi degli NPC. L'IA può gestire tutti questi aspetti", dice con convinzione Stuart, che aggiunge: "Magari hai bisogno che l'utente vada da un punto A a un punto B, ed anziché scrivere migliaia di righe di codice e dialoghi basta lasciare che sia l'IA a svolgere questo compito".

Il CFO di Xbox prosegue: "Se pensi ai testing per un gioco, un milione di bot mossi dall'IA può scoprire dove i giocatori si bloccano in un livello di Minecraft, scoprire dove spendono i soldi e cosa pensano di quel livello. Tutto questo cambia del tutto la prospettiva di uno sviluppatore". Secondo Stuart, inoltre, il supporto delle IA potrebbe spingere molte altre persone ad intraprendere la carriera di sviluppatore, proprio grazie ai vantaggi dati dalle intelligenze artificiali che diminuirebbero la mole di lavoro che un lavoratore dovrebbe normalmente gestire.

In tale ottica anche per Sarah Bond di Xbox le IA faciliteranno lo sviluppo di videogiochi, ritrovandosi dunque in linea con le parole del collega. Sarà davvero questo il futuro di Xbox e del mondo videoludico in generale?