ICO compie 20 anni, molti omaggi: da Del Toro ai padri di Dark Souls, TLOU e Smash Bros

ICO compie 20 anni, molti omaggi: da Del Toro ai padri di Dark Souls, TLOU e Smash Bros
di

In occasione dei festeggiamenti per il ventesimo anniversario di ICO, l'universo videoludico, ma non solo, ha rivolto i propri omaggi all'opera firmata da Fumito Ueda.

Dalle pagine di Famitsu - noto magazine giapponese -, autori del calibro di Hidetaka Miyazaki, Masahiro Sakurai o Neil Druckmann hanno rivolto un pensiero all'opera. Quest'ultimo, dirigente di Naughty Dog e Game Director di The Last of Us e The Last of Us Parte 2, non ha esitato nell'indicare ICO come il suo gioco preferito di sempre, oltre che un "vero e proprio capolavoro della storia del videogioco". Affascinato dalla meccanica che vede i protagonisti affrontare mano nella mano le disavventure, Druckmann ha descritto l'impatto emotivo di ICO come sperimentabile solamente tramite un videogioco.

Grande apprezzamento per il titolo anche da parte di Masahiro Sakurai, padre di Super Smash Bros Ultimate e dell'intera saga picchiaduro Nintendo. Coetaneo di Ueda, quest'ultimo ha descritto il gioco PlayStation 2 come un'opera che offre una visione del mondo che si erge sullo stesso, arrivando ad osservarlo da una posizione sopraelevata. Apprezzamenti anche da parte di Hidetaka Miyazaki, firma creativa di Dark Souls, Bloodborne, Sekiro: Shadows Die Twice e dell'attesissimo Elden Ring. L'autore giapponese ha infatti rievocato per l'occasione il forte impatto generato in lui da ICO. Il gioco di Ueda, ha ricordato, gli ha letteralmente cambiato la vita, convincendolo a dedicarsi allo sviluppo videoludico. Un episodio affascinante, che vi abbiamo raccontato nel nostro speciale sulla storia di FromSoftware.

Apprezzamenti nei riguardi di ICO sono poi giunti anche da artisti esterni al settore videoludico. Il regista Guillermo Del Toro, ad esempio, ha speso parole più che generose nei confronti del mondo tratteggiato dal titolo PS2. Oltre ad apprezzarne la fattura e l'estetica, il regista ha descritto ICO come "un viaggio che ci insegna che la ragione per la quale ci troviamo al mondo - sia che si tratti di realtà o videogioco - è aiutare i nostri amici". Anche i mangaka Inio Asano (Solanin; Buonanotte, Punpun; La ragazza in riva al mare), Yoshitoki Oima (A Silent Voice) e la scrittrice di gialli Miyuki Miyabe hanno condiviso apprezzamenti per l'opera di Fumito Ueda.

FONTE: VGC
Quanto è interessante?
4