Esport

League of Legends: finisce la quarantena di Kim Min-ah, falso allarme

League of Legends: finisce la quarantena di Kim Min-ah, falso allarme
di

Nella giornata di ieri la presentatrice della LCK, era stata sospesa dallo streaming del campionato coreano di League of Legends a causa della possibile esposizione al coronavirus.

La host aveva condiviso le sue preoccupazioni su un post di Instagram, spiegando la situazione ai suoi follower dopo esser stata mandata in ospedale una volta che i produttori sono stati informati del suo stato febbrile.

La LCK ha sospeso preventivamente tutti coloro che lavoravano con la presentatrice e con chi ne è venuto a contatto all'interno dello stadio come misura precauzionale.

Dopo la notizia, la preoccupazione si è diffusa anche nei team della LCK che erano entrati in contatto con la presentatrice. Gli organizzatori della LCK, chiaramente, con il diffondersi dell'epidemia stanno dando la priorità alla sicurezza e alla salute del loro personale, dei giocatori e del pubblico.

Poco fa è giunta la buona notizia: i tamponi effettuati sono risultati negativi, per cui pericolo scongiurato; la ragazza ha potuto lasciare la quarantena.

Al momento, però, non si sa quando potrà tornare a lavorare attivamente nella LCK, e resta da vedere se potrà effettivamente tornare a svolgere il suo ruolo di host il prossimo fine settimana. La LCK inoltre si sta già svolgendo a porte chiuse, visto che al pubblico non è permesso entrare nell'arena.

La Corea, infatti, sta affrontando una fase acuta dell'epidemia visto l'esponenziale aumento di casi di covid-19 negli ultimi giorni. Per ciò che riguarda l'esport, molti dalla Cina hanno trasferito i propri HQ in Corea, considerata più sicura. Questo potrebbe aver favorito il diffondersi del virus proprio in Corea.

Quanto è interessante?
3