Esport

La Marina statunitense abbandona il Super Bowl in favore dell'eSport

La Marina statunitense abbandona il Super Bowl in favore dell'eSport
di

La Marina degli Stati Uniti ha deciso traslare una grossa fetta del proprio budget riservato a pubblicità e marketing negli esport e in campagne YouTube, abbracciando così un modo nuovo di comunicare.

Secondo un report pare che la marina americana spenderà il 97% del proprio budget pubblicitario per la pubblicità online. L'altro 3% sarà speso in cartelloni pubblicitari e pubblicità che passeranno in radio. La nuova strategia comunicativa è studiata apposta per catturare l'attenzione di un pubblico di età compresa tra 17 e 28 anni. "Una cosa che abbiamo imparato dopo aver pagato molte campagne pubblicitarie durante il Super Bowl", ha dichiarato il vice capo delle operazioni navali Robert Burke, durante una recente apparizione alla conferenza annuale dedicata alle forze armate, "è che il pubblico target non lo guarda".

Dal 2018, la Marina ha notato che, sebbene avesse speso meno denaro per la pubblicità televisiva, non vi erano effetti negativi sul reclutamento. La Marina non è l'unico ramo delle forze armate che vede gli esport come un ricco bacino da cui attingere per il reclutamento. L'Air Force ha siglato una partnership con ELEAGUE nel 2018, che comprendeva la collaborazione e la produzione di contenuti e la presenza sul palco per consegnare tli premi alle squadre vincitrici. L'Air Force è stato anche lo sponsor che ha incoronato l'MVP ELEAGUE Counter-Strike: Global Offensive Major di Boston. L'esercito, invece, ha una propria squadra competitiva attiva in Call of Duty, Gears of War e altri titoli. Ha anche collaborato con Complexity Gaming: i giocatori hanno partecipato a un bootcamp alla base di El Paso, in Texas, dove hanno partecipato a esercitazioni militari insieme ai soldati in servizio attivo.

Insomma, l'esport così come le piattaforme streaming e la produzione di contenuti digitali, rappresentano la nuova frontiera della comunicazione, visto il declino dei mezzi tradizionali. Questo fa gola a molti e le forze armate hanno tutto l'interesse ad approfittarne, per intercettare l'attenzione dei giovanissimi.

FONTE: USNI.org
Quanto è interessante?
1