Mass Effect Andromeda: nuovi retroscena su contenuti rimossi e razze aliene tagliate

Mass Effect Andromeda: nuovi retroscena su contenuti rimossi e razze aliene tagliate
di

Nel ripercorrere le tappe principali del problematico sviluppo di Mass Effect Andromeda, diversi ex membri di BioWare hanno spiegato ai giornalisti di TheGamer perché nel kolossal sci-fi di EA hanno trovato spazio pochissime specie aliene inedite.

Stando a quanto dichiarato dallo scrittore senior di ME3, Neil Pollner, "Penso che quello di Andromeda fosse un progetto che non avrebbe mai potuto essere all'altezza delle aspettative. L'asticella delle aspettative era altissima dopo la conclusione della trilogia originaria, la gente si aspettava che in una galassia completamente nuova ci sarebbero state delle innovazioni più importanti. La portata del primo Mass Effect era così incredibilmente vasta che con Andromeda ci fu questa 'promessa intrinseca' che i giocatori avrebbero vissuto un'esperienza altrettanto sorprendente, specie nelle specie aliene da incontrare. Ma ci fu concesso un budget limitato a sole due razze aliene, più il Remnant".

L'autore che ha contribuito alla stesura della trama di Mass Effect Andromeda prosegue dichiarando come "non avremmo mai potuto includere tutte le specie della Via Lattea, e non avremmo potuto lasciarvi viaggiare liberamente nella nuova galassia. Così abbiamo dovuto sviluppare la storia partendo da queste evidenti limitazioni e tagliare aspetti come l'esperienza da 'primo contatto' con le nuove specie aliene".

Del medesimo avviso è Chris Helper, un altro scrittore di lunga data della serie di Mass Effect che, sempre dalle colonne di TheGamer, spiega che il concept originario di ME Andromeda prevedeva degli approfondimenti ludici e narrativi su almeno cinque o sei razze aliene. La natura di queste nuove specie "andromediane" viene svelata da Dorian Kieken: il direttore del design di Mass Effect Andromeda dichiara infatti che la scelta di tagliare questi contenuti è stata dettata anche dall'anatomia non umana di queste creature, un aspetto che avrebbe reso ancora più difficile lo sviluppo di animazioni ed elementi di gameplay specifici.

Sempre a detta di Kieken, inoltre, fu deciso di accantonare lo sviluppo di questi esseri dall'aspetto esotico poiché l'input datogli dai direttori dello sviluppo del progetto fu quello di "rendere facile per i cosplayer interpretare i personaggi del gioco", presumibilmente per garantire l'immedesimazione dei fan nei diversi personaggi interpretati o fronteggiati esplorando i pianeti dell'Ammasso Helius.

Prima di lasciarvi ai commenti, vi ricordiamo che su queste pagine trovate un nostro video di approfondimento su cosa possiamo aspettarci da Mass Effect Next Gen.

FONTE: TheGamer
Quanto è interessante?
8