Esport

McDelivery GGang: ecco le 5 gamer del team eSports al femminile di McDonald's e Machete

McDelivery GGang: ecco le 5 gamer del team eSports al femminile di McDonald's e Machete
di

Svelata la formazione della McDelivery GGang, il team e-Sports tutto al femminile firmato McDonald's e Machete Gaming. Durante una live Twitch con Manuelito "Hell Raton" le cinque talentuose gamer Aelita, MadMorona, Girl Bong Theory, xKumiho e panniR sono ufficialmente entrate a far parte dell’ambita squadra McDelivery GGang.

Un progetto nato dalla volontà di sostenere la categoria femminile e valorizzarne le abilità competitive e le aspirazioni in un mondo, quello dell'e-Sport, ancora fortemente legato all'immaginario maschile. Insieme al loro coach tecnico (Sypher, già parte di Machete Gaming) le ragazze della McDelivery GGang inizieranno un percorso che le porterà a competere nei più prestigiosi tornei e misurarsi con i player più forti del settore. MadMorona (Anais Fabriani), xKumiho (Roberta Marceddu) e Aelita (Roberta Bertini), saranno impegnate su Apex Legends mentre Girl Bong Theory (Samantha Polizotto) e PanniR (Mariasole Panni) metteranno in mostra le loro abilità in Call of Duty.

Roberta Bertini, 19 anni, in arte Aelita, ha iniziato ad avvicinarsi al mondo dei videogiochi a soli tre anni grazie al padre che, gamer a sua volta, le ha trasmesso la passione per questo mondo. Da sempre ama i giochi FPS e ha cominciato a gareggiare a livello competitivo proprio con Apex Legends. Entrare in questo team è per lei un’occasione importante di mettersi alla prova, misurandosi con avversari di livello e di migliorarsi come giocatrice, potendo contare sul supporto di esperti come Machete Gaming.

MadMorona, aka Anais Fabriani ha 29 anni e viene da Latina, provincia di Roma. Ha cominciato a giocare all’età di 13 anni, quando ha ricevuto il suo primo PC e da lì non ha più smesso. Ha partecipato a diverse competizioni e tornei, presentandosi per lo più come SoloQ, un vero peccato, a detta sua: per lei, infatti, il gioco in team rappresenta una grande opportunità di crescita sia personale che come player. Entrare nella McDelivery GGang è quindi il primo passo per migliorarsi.

Samantha Polizotto, di Capo d’Orlando, Messina, ha 24 anni ed è conosciuta come Girl Bong Theory. Da due anni si dedica allo streaming su Twitch dove si interfaccia con la sua community. Amante dei videogiochi sin da bambina, nel 2012 scopre COD e da quel momento scoppia la sua passione per questo genere di giochi, per cui si è spesa a livelli competitivi in diversi team. La McDelivery GGang è per lei la strada che le permetterà di giocare ad alti livelli e dimostrare al contempo che anche i team femminili possono andare lontano in questo settore.

Roberta Figus Marceddu viene dalla provincia di Cuneo e si fa chiamare xKumiho. Gioca ai videogiochi da quando ha 5 anni, una passione che non l’ha più abbandonata, nemmeno ora che ne ha 26. Per lei Machete Gaming è una realtà che racconta e fa conoscere ciò che di positivo c’è in questo settore, un’occasione di ritrovo, che fa bene a chi vi partecipa. Un luogo istruttivo, di sana competizione, dove si è tutti sullo stesso piano. Ciò che fa la differenza è solo il talento e un team al femminile è occasione di dimostrarlo abbattendo ogni pregiudizio.

Mariasole Panni ha 26 anni, viene da Roma e nel mondo del gaming è conosciuta come panniR. Si appassiona ai videogiochi da bambina, dimostrando poi interesse per i giochi FPS. Non a caso, è proprio con COD che si avventura nel mondo competitive; una realtà che descrive come non semplice specie per le donne. Ha combattuto i pregiudizi con la sua carriera da streamer, facendosi largo nel settore, nella convinzione che passione, costanza e impegno ripagano sempre. La McDelivery GGang è per lei opportunità di continuare la sua battaglia e testare le sue capacità con gamer di alto livello.

Quanto è interessante?
2
McDelivery GGang: ecco le 5 gamer del team eSports al femminile di McDonald's e Machete