METRO

Metro Exodus: la versione 5.6 di Denuvo è già stata violata

Metro Exodus: la versione 5.6 di Denuvo è già stata violata
di

Dopo soli cinque giorni dalla commercializzazione di Metro Exodus, il sistema di protezione software implementato da Deep Silver per proteggere la versione PC dello sparatutto post-apocalittico di 4A Games, il DRM Denuvo 5.6, cade ufficialmente sotto i colpi degli hacker.

Come riportano i colleghi di DSO Gaming, infatti, il sistema anti-tamper integrato nella versione PC di Metro Exodus è stato violato e la questione interessa sia chi ha acquistato il kolossal FPS su Epic Games Store sia chi ha fatto in tempo a prenotarlo su Steam prima del suo chiacchierato allontanamento dalla piattaforma digitale di Valve.

L'azienda austriaca specializzata nella realizzazione di sistemi di anti-manomissione di software e applicativi videoludici si era prodigata per sviluppare una nuova e più aggiornata versione del DRM Denuvo per evitare il riproporsi di situazioni come quella accaduta al lancio di Ace Combat 7 Skies Unknown e, soprattutto, di Resident Evil 2 Remake.

Mai come in questo caso, visto il risentimento nutrito dalla community per l'esclusività del titolo su Epic Games Store, la notizia della caduta del sistema di protezione anticopia di Exodus potrebbe provocare un effetto a cascata sulle vendite future dello sparatutto di 4A Games in ambiente PC, nonostante l'accoglienza riservata al titolo nelle giornate immediatamente successive alla sua pubblicazione sia riuscita a rispettare le previsioni di Deep Silver. In ogni caso, ricordiamo a chi ci segue che Metro Exodus è disponibile dal 15 febbraio scorso su PC, PlayStation 4 e Xbox One: su queste pagine trovate anche la nostra recensione a firma di Tommaso "Todd" Montagnoli.

FONTE: DSO Gaming
Quanto è interessante?
9