Microsoft ha accantonato lo sviluppo di un visore VR nell'attesa di tecnologia migliore?

Microsoft ha accantonato lo sviluppo di un visore VR nell'attesa di tecnologia migliore?
di

Lo scorso giugno, in occasione dell'E3 2018, il chief marketing officer Mike Nichols dichiarò che Microsoft non aveva nessun piano per portare la Realtà Virtuale sulle piattaforme della famiglia Xbox, nonostante One X abbia potenza a sufficienza per poterla gestire. Quest'oggi, sono emersi ulteriori dettagli al riguardo.

Secondo il portale CNET, che afferma di essere piuttosto informato sulla faccenda, in realtà la casa di Redmond è andata molto vicina ad un vero e proprio annuncio. A quanto pare, negli anni scorsi stava davvero lavorando ad un visore VR ed era alla ricerca di partner per la progettazione del dispositivo e la creazione di titoli dedicati. Alla fine ha però accantonato il progetto, per una serie di motivi.

Innanzitutto, la qualità dello schermo del visore in sviluppo era considerata buona, ma non al livello dei rivali Oculus Rift e HTC Vive per PC. In aggiunta a ciò, Microsoft ha deciso di mettere in stand-by il progetto in attesa di tecnologia migliore, come il collegamento wireless, ad un prezzo più abbordabile.

I principali visori attualmente in commercio (oltre ai due sopra nominati, c'è anche PlayStation VR) richiedono un cablaggio lungo e ingombrante. Degli adattatori wireless sono effettivamente disponibili all'acquisto, ma richiedono un esborso aggiuntivo di circa 300 dollari. Prezzo giudicato eccessivo, specialmente per una tecnologia che, nonostante i buoni risultati, in questa generazione non è ancora riuscita ad imporsi in maniera seria sul mercato di massa.

Cosa ne pensate al riguardo? Secondo voi quanto ancora dovremo attendere affinché la Realtà Virtuale arrivi su Xbox? Con Scarlet sarà la volta buona?

Quanto è interessante?
11

Scopri le migliori Console in offerta e i Bonus prenotazione più interessanti dei tuoi Videogiochi preferiti in offerta su Amazon.it