Microtransazioni il più grande nemico dei videogiochi, secondo il director di God of War

Microtransazioni il più grande nemico dei videogiochi, secondo il director di God of War
di

Per quanto se ne faccia sempre un gran parlare tra la community degli appassionati, microtransazioni e loot box sono ormai diventati parte integrante dell'industria videoludica, e sempre più spesso publisher e sviluppatori decidono impiegarle nei propri giochi cosicché possano assicurarsi ingenti guadagni sul lungo periodo.

Per quanto non ci siano stati più casi eclatanti come quello di Star Wars Battlefront 2 di Electronic Arts, solitamente i videogiocatori non vedono di buon occhio l'utilizzo di microtransazioni, specialmente se queste vengono inserite all'interno di titoli single player venduti già a prezzo pieno. Talvolta, sono gli stessi protagonisti dell'industria che decidono di esternare il proprio dissenso nei riguardi di questa pratica.

È questo il caso di Cory Barlog, noto director di God of War 2 (PS2) e del soft reboot God of War per PlayStation 4, pubblicato durante lo scorso anno e accolto con entusiasmo da parte di critica e fanbase.
Come potete notare tramite il cinguettio che trovate in calce, l'autore statunitense ha risposto ad una domanda posta dal profilo Twitter di Xbox: "Qual è il più grande villain dei videogiochi?".
La secca risposta di Barlog recita: "Microtran$azioni".

Non è certo la prima volta che il director di Santa Monica Studio prende posizione sull'argomento, avendo già chiarito in passato che non è sua intenzione quella di introdurre le microtransazioni all'interno del franchise di God of War, né tantomeno le famigerate loot box, descritte da Electronic Arts come una meccanica accostabile a quella delle sorprese degli ovetti Kinder. Siete d'accordo con il director di God of War? Fateci sapere la vostra nei commenti.

Quanto è interessante?
14