Monolith continua ad espandersi, anche per Zelda Breath of the Wild 2

Monolith continua ad espandersi, anche per Zelda Breath of the Wild 2
di

Nella sua ultraventennale storia, Monolith Soft non si è distinta solamente per produzioni come Xenosaga e Xenoblade, ma anche per il lavoro di supporto fornito a Nintendo per titoli del calibro di The Legend of Zelda: Breath of the Wild, Splatoon 2 e il recente Animal Crossing: New Horizons.

Per ottemperare a tutti questi impegni, negli ultimi anni lo studio è andato incontro ad una grande espansione, e adesso può contare su ben quattro filiali, di cui due a Meguro (Tokyo), una a Kyoto e un'altra a Shinagawa. Ebbene, sembra che Monolith non intenda affatto dare un freno alle sue ambizioni, dal momento che l'espansione è ancora in atto: come si evince dal sito ufficiale, la software house è alla ricerca di 40 nuove figure professionali da integrare nel proprio staff, che al momento conta un totale di 270 impiegati, 50 dei quali assunti nell'ultimo anno. Ciò significa che al termine di questa nuova campagna di assunzioni, Monolith potrà fare affidamento su oltre 300 sviluppatori.

La maggior parte delle offerte di lavoro non presentano dettagli sui progetti ai quali sono indirizzate, fatta eccezione per 5, nelle quali si fa chiara menzione di The Legend of Zelda Breath of the Wild 2. È noto da tempo che, oltre a lavorare su un nuovo misterioso progetto (avviato nel 2018 dopo la pubblicazione di Xenoblade Chronicles 2), Monolith sta collaborando anche allo sviluppo dell'atteso Breath of the Wild 2, che purtroppo non si fa vedere dall'ormai lontano E3 2019...

FONTE: VGC
Quanto è interessante?
2