Esport

NBA 2K League: il partner ufficiale di Grizz Gaming sarà...la Marina statunitense

di

Grizz Gaming, il team NBA 2K League dei Memphis Grizzlies, ha firmato una partnership con la Marina statunitense. Le forze armate statunitensi saranno il partner ufficiale di Grizz Gaming per la prima stagione della NBA 2K League.

La partnership include la presenza del marchio su maglie e uniformi di gioco del team, mentre il logo della Marina sarà integrato nel sito Web e nei contenuti digitali della squadra della NBA 2K League.

La Marina sarà inoltre titolare dei diritti di denominazione per la struttura d'allenamento di Grizz Gaming.

I diritti relativi alla denominazione delle strutture di squadra sono una tendenza nuova ma in crescita negli esport. Il mese scorso, il Team Liquid ha aperto una nuova struttura di formazione per gli esport costruita con il partner di lunga data Alienware, che detiene i diritti di denominazione per lo spazio e fornisce gli hardware ai giocatori.

Il capitano Dave Bouve, direttore marketing della Marina americana ha dichiarato: "Penso che la Marina e la Grizz Gaming, insieme per l'esport, siano stata un'ottima scelta. Una delle cose importanti che abbiamo fatto è passare da molti dei canali dei media tradizionali e addentrarci maggiormente nel mondo digitale, e gli esport sono un'estensione naturale. La possibilità di collaborare con Grizz Gaming, che peraltro si trova proprio qui a Memphis, e far parte di una comunità che sta costruendo un nuovo mondo sportivo da zero è un'opportunità davvero entusiasmante."

Questa non è la prima volta che le forze armate degli Stati Uniti hanno cercato di raggiungere questo nuovo mercato. Già nel 2014 l'Air Force Reserve ha collaborato per un breve periodo con Cloud9. All'inizio di quest'anno, ELEAGUE ha annunciato una partnership con l'US Air Force. Mentre le generazioni più giovani si allontanano dai media tradizionali, l'esport offre ai militari una linea diretta per la cultura di Internet, e la gioventù che la popola.

Man mano che le opportunità di sponsorizzazione diventeranno più attraenti e lucrose, potremmo vedere i militari impegnare sempre più risorse per gli esport al fine di commercializzare il proprio “prodotto” e sottoporlo direttamente alle giovani, potenziali reclute.

La partnership è già attiva e i marinai della Marina hanno praticamente partecipato attivamente al draft di selezione della squadra. La Marina americana fornirà anche una copertura completa seguendo il team Grizz da vicino, offrendo ai fan uno sguardo dietro le quinte sulla formazione.

YVAN EHT NIOJ, cantavano i Party Posse, band composta da Bart, Milhouse, Ralph e Nelson. Join the Navy, il messaggio subliminale per reclutare i giovani in Marina veniva diffuso attraverso un motivetto orecchiabile da boy band titolato “Drop da bomb”.

Diciamo che la realtà, molto spesso, supera davvero la fantasia e la satira. Le forze armate statunitensi sono, da sempre, state un brand. Un marchio commerciale al cento per cento e, come tale, da pubblicizzare e da sfruttare per vendere (ah, senza dimenticare l'ovvia parte relativa al reclutamento). Vedremo cosa ci riserverà il futuro.

Quanto è interessante?
4