New World e l'ondata di ban nell'MMO: la replica di Amazon Game Studios

New World e l'ondata di ban nell'MMO: la replica di Amazon Game Studios
di

Nel corso degli ultimi giorni, mentre prosegue inarrestabile il successo di New World, la community di giocatori attiva nell'MMO ha iniziato a segnalare un massiccio numero di ban comminati ai frequentatori dell'isola di Aeternum.

Il massiccio numero di utenti allontanato dal gioco e le risposte contraddittorie offerte in merito dal team di Amazon Game Studios hanno rapidamente spinto la community a convincersi dell'esistenza di un sistema di bot per la gestione dei ban in New World. Una circostanza che ora viene però definitivamente smentita dalla software house autrice dell'apprezzato MMO.

In una nota inviata alla redazione di PC Gamer, gli Amazon Game Studios affermano infatti quanto segue: "Non realizziamo ban automatici basati sulle segnalazioni inviate dai giocatori. Prima che ogni azione sia intrapresa contro un giocatore, tutti i report degli utenti sono analizzati manualmente dai nostri team". Dunque, nessun sistema di bot è coinvolto nel processo di allontanamento degli esploratori di Aeternum. Una circostanza che smentisce anche il possibile utilizzo delle segnalazioni come arma illecita per aggiudicarsi la vittoria nella modalità Guerra del gioco.

"Sappiamo che c'è stata della confusione in merito, - prosegue il team di sviluppo di New World - e che la situazione è peggiorata quando i giocatori hanno ricevuto risposte poco chiare o concrete da parte dei nostri team. È importante per noi guadagnarci la fiducia del pubblico, e da ora in avanti ci impegneremo per gestire le comunicazioni in maniera più chiara".

FONTE: PC Gamer
Quanto è interessante?
2