Adesso online
Proviamo la beta del nuovo picchiaduro di Arika!

Nintendo di nuovo all'attacco contro le R4

di

Nintendo insieme ad altre 54 compagnie, l'anno scorso fecero causa alla Corte Distrettuale di Tokyo, per fermare l'importazione e la vendita di dispositivi di back-up, come l'R4 Revolution, che facilitano la pirateria sul Nintendo DS. La causa fu vinta a Febbraio, ma i dispositivi illegali continuano ad essere venduti ancora oggi.

Oggi, Nintendo con un comunicato fa sapere che lei e le altre compagnie hanno di nuovo fatto causa alla Corte, chiedendo di nuovo il divieto di importazione e di vendita delle Flash card, ma questa volta si aggiunge anche la richiesta di risarcimento dai rivenditori di tali dispositivi.

La società infatti afferma che , dopo il verdetto di Febbraio, ha invitato la comunicazione di cessare la vendita dei dispositivi ai rivenditori nel mese di Aprile, che però l'hanno ignorata continuato a distribuirli. Cosa che ha spinto la società ad intraprendere la nuova azione legale.

Una parziale lista delle 54 compagnia che insieme a Nintendo hanno collaborato in questa campagna anti-pirateria è presente nel comunicato ufficiale, tra cui spiccano terze  parti importanti come Sega, Namco Bandai, Capcom e Square Enix.

Nintendo inoltre ha aperto oggi un nuovo sito web, dove gli utenti possono contribuire alla lotta contro la pirateria segnalando i rivenditori e le pagine web di siti che vendono flash card.