Nintendo Direct: un ritorno sottotono dopo una lunga assenza?

di

A inizio settimana, a sorpresa, Nintendo ha annunciato la messa in onda di un nuovo Direct in programma per mercoledì 17 febbraio. Una notizia attesa con grande gioia dalla community, che da molti mesi aspettava uno show dedicato alla lineup Nintendo Switch.

Lo scorso anno di fatto la casa di Kyoto ha incentrato la sua strategia comunicativa su Mini Direct, Direct Indie o Terze Parti e trasmissioni dedicate ad avvenimenti specifici (pensiamo al Direct dedicato ai 35 anni di Super Mario Bros, trasmesso a settembre) ma un Direct propriamente detto mancava dal 5 settembre 2019.

50 minuti per scoprire "i giochi per Nintendo Switch in arrivo nella prima metà del 2021 e contenuti aggiuntivi per giochi già esistenti come Super Smash Bros Ultimate", così recitava il claim promozionale del Direct di febbraio. La lunga durata ha subito fatto drizzare le antenne, così come i rumor pre show (ormai immancabili) che puntavano il dito sulla comparsa di The Legend of Zelda in occasione dei 35 anni della serie. E Link ha effettivamente fatto il suo ritorno con l'annuncio di The Legend of Zelda Skyward Sword HD in arrivo a luglio, mentre non ci sono novità sostanziali su The Legend of Zelda Breath of the Wild, con Eiji Aonuma che si è scusato per la mancanza di notizie, promettendo ulteriori update nel corso del 2021.

E poi spazio alla collaborazione tra Super Smash Bros e Xenoblade Chronicles 2 e Animal Crossing x Super Mario, e ancora gli annunci di Super Mario Golf Rush, della Ninja Gaiden Master Collection, di Miitopia per Switch e in chiusura spazio al reveal di Splatoon 3, in arrivo nel 2022. Nel mezzo, giochi come SaGa Frontier Remastered, Neon White, Fall Guys per Nintendo Switch, Legend of Mana Remastered e Samurai Warriors 5.

Nel video in apertura le nostre impressioni sul Nintendo Direct di febbraio 2021, fateci sapere se lo show vi è piaciuto nello spazio qui sotto dedicato ai commenti.

Quanto è interessante?
7