Nintendo ha dovuto lottare per tenere il prezzo di Switch Lite così basso

Nintendo ha dovuto lottare per tenere il prezzo di Switch Lite così basso
di

Nella giornata di ieri è finalmente arrivata sul mercato Nintendo Switch Lite, nuova console della famiglia Switch interamente votata al gaming in portabilità, e proposta al prezzo concorrenziale di 219,99 euro, più di 100 euro in meno rispetto al modello base.

A quanto pare, nonostante le dimensioni più contenute e la mancanza dell'uscita video per il collegamento al televisore, non è stato affatto semplice per la casa di Kyoto proporre un prezzo così basso. Ad affermarlo è stato Takashi Mochizuki, giornalista del Wall Street Journal. Nel suo ultimo report, ha spiegato che durante le contrattazioni con i suoi fornitori, Nintendo è stata davvero aggressiva e ha fatto di tutto per strappare i prezzi più bassi possibili. Un esecutivo in particolare, ha confessato di aver contrattato con la casa di Kyoto per mesi e mesi.

Nintendo, che da sempre si affida a TDK Corporation per l'approvvigionamento delle batterie al litio, si è persino rivolta ad un secondo fornitore per lo stesso componente, Murata Manufacturing. L'obiettivo? Mettere in concorrenza le due compagnie e strappar loro prezzi più competitivi. Stando al report, in ogni caso, TDK rappresenta ancora il fornitore principale.

Riuscirà Nintendo Switch Lite ad imporsi sul mercato mondiale e a convincere gli amanti del gaming in portabilità con questo prezzo? Lo scopriremo prestissimo. Nel frattempo, se siete ancora indecisi sull'acquisto, vi consigliamo caldamente di leggere la recensione di Nintendo Switch Lite curata dal nostro Francesco Fossetti.

Quanto è interessante?
10