di

Nonostante le sue indubbie qualità, Nintendo Switch non è abbastanza potente per far girare alcuni dei giochi di ultima generazione. Per questo motivo, alcuni publisher hanno deciso di affidarsi al cloud gaming per portare i loro titoli sulla console ibrida. Purtroppo, i risultati si sono rivelati alquanto scadenti, stando a Digital Foundry.

La redazione inglese ha testato le versioni cloud per Nintendo Switch di Kingdom Hearts 3, Kingdom Hearts 1.5 & 2.5 Remix, Control, Marvel's Guardians of the Galaxy e Hitman 3, rimanendo molto delusa.

A fornire l'infrastruttura cloud è Ubitus, sui cui server girano quelle che sembrano essere delle versioni PC opportunamente modificate. I test condotti da Thomas Morgan e John Linneman hanno fissato a 720p la risoluzione del flusso video dello streaming, il quale risulta essere lo stesso valore della fonte: i giochi sopramenzionati girano infatti alla risoluzione nativa di 720p, con l'unica eccezione di Hitman 3, che viene renderizzato a 1080p e poi downscalato a 720p per lo streaming.

Insoddisfacente l'input lag: con una connessione ethernet, in Control è stato registrato un valore pari a 149,7 millisecondi, ben superiore ai 93 millisecondi della versione PC (un numero già sorprendentemente alto, a dir la verità). Sotto wi-fi l'input lag può peggiorare ulteriormente di 30-50 millisecondi, fino a raggiungere i 200 millisecondi ("il territorio di Kinect", fa notare Digital Foundry).

Ogni gioco, in un modo o nell'altro, delude:

  • Kingdom Hearts 3 gira a 720p e 60fps sbloccati, ma l'encoding video appare povero e compresso;
  • Kingdom Hearts 1.5 e 2.5 Remix, essendo molto vecchi dal punto di vista tecnico, avrebbero potuto ricevere una conversione classica. Invece, vengono riprodotti via cloud a 720p/30fps;
  • Guardians of the Galaxy è un gioco molto pesante che può girare solo via cloud. Tuttavia, lo streaming non va oltre i 720p/30fps e diversi elementi visivi appaiono fuori posto;
  • Hitman 3 ha due modalità grafiche, ma le differenze visive sono difficili da notare e girano entrambe a 30fps;
  • Tutti i giochi con il cap a 30fps presentano un framerate inconsistente a causa di problemi al frame pacing.

Alla fine della fiera, il meno peggio sembra essere Control, il quale offre una modalità performance a 720p/60fps e un modalità grafica a 720p/30fps. Quest'ultima, nonostante i problemi di input lag e al frame pacing di cui sopra, quantomeno supporta il ray-tracing, una tecnologia che su Nintendo Switch sarebbe impossibile da riprodurre nativamente. Altri dettagli li trovate alla fonte e nella video analisi in apertura.

Quanto è interessante?
5