Nintendo Switch ed effetto Coronavirus: console introvabile negli Stati Uniti

Nintendo Switch ed effetto Coronavirus: console introvabile negli Stati Uniti
di

Gli effetti dell'emergenza sanitaria globale legata al diffondersi di Coronavirus/COVID-19 si stanno progressivamente manifestando all'interno di una vastissima selezione di settori dell'economia.

Tra questi ultimi figura anche la filiera videoludica, con problematiche che stanno investendo anche la Casa di Kyoto. Sembra infatti che la catena di produzione di Nintendo Switch e Nintendo Switch Lite sia stata interessata da alcuni rallentamenti, che hanno visto l'offerta di console negli USA progressivamente erosa da una crescente domanda. Nello specifico, i due hardware sembrano al momento essere prossimi al'esaurimento presso molti noti distributori, tra cui Amazon, Ebay e Best Buy.

Questo, riferisce Gamespot, sta determinando un rincaro dei prezzi delle console proposte da rivenditori terze parti. In particolare, si riporta di Nintendo Switch Lite prezzate tra i 250 e i 290 dollari, mentre per Nintendo Switch la cifra si attesterebbe attorno ai 400 dollari. Rassicurazioni sembrano però arrivare dai vertici della Grande N. "Nintendo Switch sta andando esaurita in diverse località degli Stati Uniti, - ha confermato Nintendo America alla redazione di Gamespot - ma ulteriori console sono in dirittura di arrivo".

In ambito videoludico non sono ancora chiari i potenziali effetti futuri del Coronavirus: recentemente, ad esempio, il team di sviluppo dell'esclusiva Nintendo ha invitato alla flessibilità per i contenuti post-lancio di Animal Crossing New Horizons, mentre Schreier ha affermato di attendersi diversi posticipi a partire dal mese di maggio.

FONTE: Gamespot
Quanto è interessante?
4