Nonna di 95 anni rompe il suo Game Boy, l'assistenza clienti di Nintendo gliene regala uno

Nonna di 95 anni rompe il suo Game Boy, l'assistenza clienti di Nintendo gliene regala uno
di

Dalle pagine del giornale giapponese Asahi Shimbun, la settantenne Kuniko Tsusaka ha voluto complimentarsi con Nintendo per il nobile gesto che hanno compiuto i responsabili del centro assistenza dell'azienda per risolvere un problema accorso a sua madre, una novantacinquenne appassionata di Tetris su Game Boy.

Ai giornalisti della testata nipponica, Kuniko ha infatti spiegato di essere entrata in contatto con il servizio clienti di Nintendo dopo aver tentato in ogni modo di riparare il Game Boy rotto da sua madre, un'assidua giocatrice di Tetris che si è servita del capolavoro degli anni '80 per allenare la mente e combattere gli inevitabili acciacchi di un'età così avanzata.

Dopo aver tentato invano di aggiustare il Game Boy rotto dalla madre (il terzo della lunga e onorata carriera videoludica della nonnina), Kuniko e suo nipote hanno così deciso di rivolgersi all'assistenza clienti della casa di Kyoto. Un frainteso legato all'erronea interpretazione delle parole che la nonna voleva rivolgere a Nintendo (da "kami taiou", servizio eccellente, a "kami", carta), ha però spinto la famiglia a spedire per posta il Game Boy malfunzionante al centro assistenza.

I ragazzi del servizio clienti di Nintendo hanno prontamente risposto alla missiva dell'arzilla fan del Game Boy e spiegato di essersi attivati per spedire una "nuova" console funzionante che giaceva in magazzino da diversi anni. All'interno del pacco spedito da Nintendo, la famiglia ha trovato anche una lettera che augurava una lunga vita alla novantacinquenne appassionata di Tetris.

Quanto è interessante?
9