Norman Reedus: Death Stranding è un gioco positivo, spaventoso e deprimente

Norman Reedus: Death Stranding è un gioco positivo, spaventoso e deprimente
di

Nel corso di una recente intervista, l'attore Norman Reedus, che come saprete ricoprirà il ruolo di principale protagonista di Death Stranding, è tornato a parlare del nuovo gioco di Hideo Kojima, ancora avvolto in una fitta coltre di mistero.

Gli enigmatici trailer che Kojima Productions ha mostrato nel corso dei mesi non hanno mai dato informazioni propriamente concrete riguardo al titolo, ma hanno alimentato il susseguirsi di speculazioni e teorie legate al concept fondamentale su cui il titolo si baserà. Reedus ha ora provato a fare luce sul tipo di sensazioni che proveremo durante il corso dell'avventura che Death Stranding intende offrirci:

"Hideo Kojima è davvero un genio", ha esordito l'attore di The Walking Dead. "Io dicevo: Ah, quindi giocheranno il mio personaggio?" E lui rispondeva: "No, loro sono te. Li faremo piangere così come fai tu". E io: "Ma di che stai parlando? È un videogioco".

Il concept è così avanti al suo tempo. Invece di far eliminare chiunque si trovi attorno a te, si tratta più sul riunire tutti quanti insieme. È un gioco molto positivo, ma spaventoso e deprimente allo stesso tempo. È come un film nuovo, non ho mai visto prima d'ora ciò che stiamo facendo".

I trailer che abbiamo potuto ammirare fino ad oggi - conclude Reedus - non sono altro che una piccola porzione di un disegno generale molto più grande:

"C'è molto altro. È complicato, un gioco folle e complicato. Ho imparato molto sui videogiochi lavorandoci".

FONTE: metro
Quanto è interessante?
26