State of Decay 3: fotogrammetria e fisica next gen citati negli annunci di lavoro

State of Decay 3: fotogrammetria e fisica next gen citati negli annunci di lavoro
di

Il sempre attento insider Klobrille evidenzia l'ultima infornata di annunci di lavoro che Undead Labs ha pubblicato per ampliare il proprio organico in funzione dello sviluppo di State of Decay 3.

Nelle schede di accompagnamento per l'apertura di queste nuove posizioni lavorative, la sussidiaria degli Xbox Game Studios descrive per sommi capi gli incarichi da svolgere nella software house con sede a Seattle, offrendo così delle possibili anticipazioni su State of Decay 3, l'avventura sandbox post-apocalittica in arrivo su PC e Xbox Series X/S.

Oltre all'immancabile riferimento alle esperienze pregresse e alle competenze richieste per il ruolo presso il quale si desidera candidarsi, negli annunci di lavoro pubblicati da Undead Labs viene citato l'utilizzo di una versione non meglio specificata di Unreal Engine. E qui le cose si fanno interessanti.

Gli autori statunitensi, infatti, riferiscono che i futuri membri del team dovranno avere esperienza nella creazione e gestione di asset con tecniche avanzate ma ormai standard dell'industria del 3D ovvero fotogrammetria digitale e materiali PBR, il che dovrebbe indicare la ricerca di uno stile foto realistico, che nelle intenzione degli Xbox Game Studios permetterà di "raggiungere nuovi livelli di qualità e creare sistemi altamente raffinati e reattivi".

Ogni indizio, quindi, sembra condurre verso l'impiego del motore grafico Unreal Engine 5, o comunque di una versione dell'Unreal Engine 4 potenziata da middleware per la fotogrammetria (Epic, lo ricordiamo, ha acquisito Quixel e la tecnologia MegaScans a fine 2019) e tool per generare ambientazioni digitali con una elevato livello di realismo.

Quanto è interessante?
6