Ori and the Will of the Wisps non sarebbe stato possibile senza lo Smart Working

Ori and the Will of the Wisps non sarebbe stato possibile senza lo Smart Working
di

In un'intervista concessa a GamesIndustry.biz, il direttore dei Moon Studios, Thomas Mahler, ha svelato un interessante dettaglio dello sviluppo di Ori and the Will of the Wisps: l'intero progetto è stato realizzato ricorrendo allo Smart Working, con sviluppatori, designer e autori che hanno lavorato da casa.

"Ori and the Blind Forest è stato creato da 20 persone che lavoravano in pigiama nelle proprie case", esordisce Mahler per illustrare i benefici dello Smart Working, una pratica legata al telelavoro che sta diventando di fondamentale importanza in questo periodo dominato dalle paure per il diffondersi del Coronavirus.

Discutendo dello sviluppo di Ori and the Will of the Wisps, il direttore dei Moon Studios ricorda che "conoscevo qualche geniale programmatore israeliano ma non aveva senso spostarlo in Austria per lavorare con me dopo essermi trasferito da Blizzard. Non sapevo se sarebbe stato giusto e avrebbe avuto un senso agire in quel modo. Col tempo, e realizzando alcuni prototipi, abbiamo capito che quell'idea andava bene, ci piaceva e così abbiamo proseguito su quella strada, con programmatori dall'Australia e da altre parti del mondo. Ma non è stata una cosa che abbiamo necessariamente pianificato".

In questo modo, spiega Mahler, i Moon Studios hanno saputo attrarre tanti sviluppatori di talento provenienti da aziende come Blizzard, Riot Games o Disney, tutto grazie a una semplice promessa: "Il nostro modo di approcciarci a questi talenti è stato semplice, gli abbiamo promesso che avremmo offerlo loro un buon stipendio e che avrebbero potuto lavorare da casa, non dovevano trasferirsi o sradicare le loro famiglie. L'obiettivo era quello di creare questa squadra d'élite, un folle conglomerato di talenti sparsi in tutto il mondo".

A giudicare dai risultati ottenuti con il loro ultimo progetto, si può dire che la strategia portata avanti dai dirigenti dei Moon Studios sia stata davvero di successo: a tal proposito, vi ricordiamo che su queste pagine trovate la nostra recensione di Ori and the Will of the Wisps con cui ingannare l'attesa per l'uscita del kolossal metroidvania di Microsoft su PC e Xbox One, prevista per l'11 marzo.

Quanto è interessante?
8