di

Pochi giorni fa è andata in onda la prima puntata di Harada's Bar, nuovo e peculiare talk show condotto da "un bar segreto di Tokyo" da Katushiro Harada, director di Tekken. Il primo ospite è stato nientepopodimeno che Ken Kutaragi, responsabile della nascita del brand PlayStation.

Gli argomenti toccati dai due sono stati molteplici, ma tra i tanti spiccano le considerazioni di Kutaragi sulla storica console war che si è "combattuta" negli anni '90 tra Sony, Nintendo e SEGA, conclusasi all'alba del nuovo millennio con una vittoria schiacciante di PlayStation, una Nintendo annaspante nel segmento casalingo e il forfait di SEGA, che dopo il Dreamcast ha abbandonato il mercato console.

Kutaragi ha offerto una nuova prospettiva su questa "guerra" che ha animato le pagine delle riviste e i dibattiti tra i videogiocatori per un'intera decade, spiegando che in realtà non è mai esistita. Prima di lanciare PlayStation, ricordiamo, Kutaragi ha lavorato con Nintendo (in particolar modo al processore audio del SNES), compagnia con la quale ha sempre conservato ottimi rapporti. "Prima di PlayStation, ho lavorato sul Super Famicom di Nintendo, e Mr. Uemura e il suo team mi piacevano tanto, ero spesso con loro e siamo sempre andati d'accordo. Dall'esterno eravamo però visti come in lotta tra noi. Mi hanno sempre posto domande del genere: 'La rivale di Sony è Nintendo o SEGA?', ma in realtà non l'ho mai saputo perché eravamo tutti colleghi. Le persone all'esterno non la pensavano così in ogni caso... non conoscevano la verità... hanno vivacizzato la nostra industria".

Secondo Kutaragi sono stati i media a trasformare il rapporto tra i tre giganti dei videogiochi in un conflitto, rendendo le cose più interessanti di quanto non erano, generando al contempo tanta pubblicità gratuita. Kutaragi era ben consapevole che tutto ciò stava portando ad una crescita dell'intero mondo videoludico.

Quanto è interessante?
12