Park Beyond: tra Theme Park e l'impossify, Bandai Namco crede nel genere dei gestionali

Park Beyond: tra Theme Park e l'impossify, Bandai Namco crede nel genere dei gestionali
di

In una lunga intervista il responsabile del marketing di Bandai Namco Europe è tornato a parlare di Park Beyond, il nuovo gestionale di Limbic Entertainment, e della volontà dell'azienda di espandere il proprio portfolio di titoli e generi.

Intervenuto sulle pagine di GamesIndustry.biz, il responsabile del marketing di Bandai Namco Hervé Hoerdt ha descritto la strategia del publisher partendo dall'acquisizione di una quota di minoranza dello sviluppatore Limbic Entertainment e dal nuovo gioco Park Beyond, il gestionale presentato durante l'Opening Night della Gamescom 2021: "Dobbiamo costruire un portfolio. Avevamo bisogno di guardare al panorama dei giochi, ai singoli mercati, a quali sono più competitivi e così via. Abbiamo lavorato molto su questa strategia e il genere dei gestionali di costruzione era uno dei segmenti che volevamo aggredire. Perché sebbene sia competitivo c'è una bassa barriera d'ingresso. E si adatta a ciò che ci piace".

Hoerdt ha continuato: "Poi ci siamo incontrati con i fantastici ragazzi di Limbic. Che squadra, che leader...è uno studio tedesco e hanno lavorato su Tropico. Sono persone super amichevoli con cui lavorare ed è stata una scelta immediata. Questo progetto era nell'aria e abbiamo puntato su questo. L'idea è nuova. La posizione "impossify" è una caratteristica unica. Volevamo fare qualcosa di diverso".

Il rappresentate di Bandai Namco ha poi concluso: "Ho lavorato in EA 25 anni fa quando abbiamo realizzato Theme Park e poi Theme Hospital. Non volevamo limitarci a fare un nuovo Theme Park anche se è stato un enorme successo. Volevamo una novità. Questo "impossify" e l'idea dietro di esso...anche la tecnologia è fantastica".

Nella stessa intervista Hervé Hoerdt ha parlato di Elden Ring e delle aspettative di Bandai Namco sul Gioco.

Quanto è interessante?
1