Esport

Un percorso di qualità per gli operatori Esports e Gaming: l'attestazione OIES Badge

Un percorso di qualità per gli operatori Esports e Gaming: l'attestazione OIES Badge
di

Il settore Esports italiano avrà a disposizione uno strumento che segna una svolta per gli operatori. L’Osservatorio Italiano Esports apre le candidature per l’ottenimento dell’OIES Badge: la prima attestazione che documenta le competenze consulenziali di team, agenzie e professionisti che operano nel settore Esports e Gaming.

Attraverso questo strumento, le aziende che vorranno investire nel settore avranno a disposizione un quadro completo delle società a cui affidarsi per ricevere servizi nel business dell’Esports e del Gaming.

L’OIES Badge rappresenta un’innovazione unica nel panorama internazionale: quello italiano sarà il primo mercato a dotarsi di un riconoscimento che identifica gli standard qualitativi dei suoi operatori. Anche i requisiti per l’ottenimento dell’OIES Badge sono un inedito per il contesto esportivo italiano.

Per la prima volta, le regole che fissano gli standard qualitativi sono state condivise dagli esperti del settore in modo collegiale. L’Osservatorio Italiano Esports ha riunito in un Comitato Scientifico alcuni tra i migliori professionisti del settore, per incentivare quello spirito di collaborazione che è da sempre uno dei suoi principali punti deboli.

Potete consultare la lista dei membri del Comitato. L’OIES si occuperà quindi di verificare con un test le competenze degli operatori che si candideranno per l’ottenimento del Badge, sulla base dei seguenti requisiti stilati dal Comitato Scientifico.

Ecco i link per consultare i requisiti: Requisiti agenzie, Requisiti team e professionisti.

Sarà possibile accedere al test per l’OIES Badge attraverso due modalità. Gli operatori potranno tentare direttamente il test e sottoporsi alle domande, oppure sostenere un corso di formazione sui temi che necessitano di approfondimenti.

L’OIES Badge avrà validità annuale e consisterà in un riconoscimento provvisto di QR Code che potrà essere inserito nei materiali di comunicazione fisici e digitali, e darà la possibilità all’operatore di mostrare i suoi servizi alle aziende in modo qualificato. Per avvicinare gradualmente il settore, l’OIES rilascerà per ogni categoria di operatori 10 Badge a trimestre.

Le candidature per l’ottenimento dei primi OIES Badge apriranno il 15 novembre. È possibile però prenotarsi e avere il diritto di prelazione compilando il form a questo link. Prenotandosi, l’operatore potrà decidere se accedere al Badge nella prima sessione utile, oppure spostarla in quelle successive.

Dopo il rilascio dei primi Badge, l’OIES istituirà successi livelli di attestazione, per fornire al mercato un quadro sempre più chiaro delle competenze degli operatori. Tutte le società e i professionisti che riceveranno il Badge, infatti, saranno iscritti in un Registro Pubblico dell’Esports e del Gaming, pubblicato dall’Osservatorio come strumento di promozione degli operatori qualificati. Con questa iniziativa l’Osservatorio Italiano Esports vuole contribuire in modo concreto ad avvicinare il mercato italiano agli standard qualitativi internazionali: nei Paesi capifila dell’Esports mondiale non si guarda unicamente alla veste competitiva del fenomeno, anzi.

Esiste già una grande attenzione verso il gaming in generale e altri temi collegati come gli NFT e il metaverso. Per attrarre allo stesso modo gli investimenti anche in Italia è necessario operare un cambio di rotta culturale, dando la possibilità alle realtà innovatrici di emergere e portare sul mercato quei servizi indispensabili per lo sviluppo di business. Con l’istituzione dell’OIES Badge, l’Osservatorio mette a disposizione uno strumento inclusivo, che è aperto a tutti e premia le competenze. Non è solo un riconoscimento verso le società del settore che già operano con successo, ma è anche un modo per spingere gli operatori innovativi del gaming a portare sul mercato nuove competenze e servizi.

L’istituzione dell’OIES Badge segna un momento di svolta per tutto il settore, non solo in Italia – commentano Luigi Caputo ed Enrico Gelfi, fondatori dell’Osservatorio -. Per la prima volta il nostro Paese potrà essere di esempio per i mercati più avanzati. L’individuazione di operatori qualificati nei servizi alle aziende è un requisito fondamentale per lo sviluppo del business. L’OIES Badge risponde proprio alle esigenze delle aziende di orientarsi in un mercato in forte espansione e che conta tantissime società. Attraverso i Badge i brand saranno più incentivati ad affidarsi agli operatori, con una conseguente crescita del mercato. Collaborazione e competenze: attraverso questi due concetti chiave l’OIES contribuisce in modo concreto allo sviluppo dell’ecosistema Esports e gaming”.

Quanto è interessante?
1