Perfect Dark: problemi culturali dietro gli addii a The Initiative, secondo un giornalista

Perfect Dark: problemi culturali dietro gli addii a The Initiative, secondo un giornalista
di

Lo sviluppo di Perfect Dark procede, nonostante i tanti abbandoni interni a The Initiative che sembravano aver gettato ombre sul proseguo dei lavori. Negli scorsi giorni Matt Booty ha smentito i contrasti tra The Initiative e Crystal Dynamics sullo sviluppo di Perfect Dark, ma qualcosa fuori posto sembra esserci comunque.

Secondo Andy Robinson, giornalista di VGC che afferma di aver parlato con numerosi dipendenti di The Initiative, sia attuali che ormai ex, per il team di sviluppo il vero problema non è la collaborazione con la software house di Tomb Raider, che al contrario viene vista in modo positivo dai dipendenti, ma la "cultura interna" della loro compagnia che avrebbe spinto molti creativi ad andarsene.

Robinson tuttavia non specifica esattamente quali sarebbero queste problematiche culturali, ma molti sarebbero stati spinti a lasciare a causa di contrasti con la leadership di The Initiative, anche questi dalla natura non meglio specificata. Nessun inconveniente invece con gli Xbox Game Studios e, anzi, il giornalista di VGC sottolinea che molti di coloro che stavano lavorando a Perfect Dark sono stati riassegnati ad altri studi interni di Xbox dopo aver abbandonato lo sviluppo del gioco.

Controversie dietro le quinte a parte, resta la curiosità di scoprire a che punto è arrivata la produzione del gioco, annunciato ufficialmente ai Game Awards 2020. A tal proposito, Matt Booty ha commentato anche i lunghi tempi di sviluppo per Perfect Dark, sottolineando che ormai sono la norma per le produzioni Tripla A.

Quanto è interessante?
6