PlayStation: Jim Ryan parla delle lezioni imparate dal passato e del futuro di PS5

PlayStation: Jim Ryan parla delle lezioni imparate dal passato e del futuro di PS5
di

Jim Ryan è stato una fonte di interessanti dichiarazioni e commenti nel corso della sua recente intervista con il portale Axios, e sembra che ulteriori dettagli interessanti continuino ad emergere sul suo pensiero riguardo i PlayStation Studios e il futuro della realtà videoludica di Sony.

Stephen Tolito di Axios ha infatti riportato su Twitter la risposta del boss di Sony Interactive Entertainment alla domanda riguardo le lezioni imparate dalla precedente generazione rappresentata da PlayStation 4, come quel bagaglio di esperienza accumulata sta venendo utilizzato su PlayStation 5, e dove sono stati compiuti i miglioramenti più significativi.

"Abbiamo un po' vacillato con PS3 ma abbiamo poi ripreso la nostra magia con PS4, e uno dei motivi per cui ci siamo riusciti è aver posto un'implacabile focus nel mettere i giocatori al primo posto. Sembra quasi come testimoniare l'ovvio, ma è facile perdere traccia delle cose semplici", ha detto Ryan, aggiungendo che "abbiamo giurato di restare attaccati a questo concetto, e credo che siamo stati molto fedeli a quella promessa".

Riguardo i maggiori miglioramenti compiuti rispetto al passato, il numero uno di SIE cita le schedule dei PlayStation Studios meglio organizzate in termini di sviluppo e lancio dei vari giochi: "Per stimolare i talenti creativi non basta semplicemente dar loro soldi. Devi anche dare loro la libertà di essere creativi, di prendersi dei rischi e di emergere con nuove idee. Basti guardare a Ghosts of Tsushima di Sucker Punch. Non era il genere di gioco che credevamo avrebbero fatto, ma non siamo eccessivamente rigidi o aziendalisti con i nostri talenti. Vogliamo che loro usino i nostri hardware in maniera creativa".

Jim Ryan guarda poi con ottimismo al futuro di PS5, analizzando quanto fatto finora con la nuova console: "La produzione durante il ciclo PS4 è stata eccellente, ma la larga maggioranza di questi giochi è arrivata nella seconda metà del ciclo. Abbiamo fatto consapevoli sforzi per migliorare su questo stavolta, e quanto avete visto finora dimostra che abbiamo certamente fatto dei progressi. In solo pochi mesi abbiamo rilasciato giochi incredibili e abbiamo tanto altro in cantiere". Il boss di SIE sottolinea che gli sviluppatori sono solo all'inizio con la console next-gen di Sony: "Non vedo l'ora di scoprire cosa i PlayStation Studios e i nostri partner di terze parti realizzeranno su PS5. Se giochi come Spider-Man Miles Morales, Returnal e Ratchet & Clank Rift Apart sono esempi di cosa possono raggiungere nei primi sei mesi di PS5, immaginate cosa potremmo vedere nell'anno due o tre".

Al di fuori di PS5, Jim Ryan ha confermato che Sony vuole espandersi verso il mercato mobile e che novità in tal senso arriveranno presto. Inoltre ha finalmente potuto fare chiarezza su alcune sue controverse dichiarazioni passate in tema retrogaming: Jim Ryan non odia i vecchi videogiochi.

Quanto è interessante?
13