PSPLUS

PlayStation Plus e il calo di abbonati nel 2021: 'Nessuna preoccupazione', spiega Sony

PlayStation Plus e il calo di abbonati nel 2021: 'Nessuna preoccupazione', spiega Sony
di

La presentazione degli ultimi risultati finanziari di Sony con i numeri degli iscritti a PS Plus offre al CFO Hiroki Totori l'opportunità per delineare la propria visione e le grandi aspettative nutrite dal colosso tecnologico giapponese per il futuro dell'ecosistema PlayStation e dei relativi servizi in abbonamento.

Discutendo con gli azionisti dei risultati raggiunti da Sony nell'anno fiscale 2021/2022, Totoki ha affrontato la questione del calo dello 0,2% degli abbonati a PlayStation Plus su base annua (che diventa dello 0,6% rispetto al trimestre precedente) invitando gli investitori a guardare il tutto dal punto di vista della "tendenza generale: il tempo totale di gioco è un fattore ancora più importante. Su base annua c'è stato questo calo nel numero di iscritti a PS Plus, ma la domanda non è mai stata così forte e lo è stata anche nella finestra temporale che stiamo esaminando".

L'alto esponente di Sony spiega così che "i dati sugli utenti iscritti fotografano una situazione suscettibile a fattori temporanei, ma abbiamo mantenuto alti livelli di coinvolgimento dei clienti. Per questo, nel medio termine, non vedo molta preoccupazione su PlayStation Plus. Sono sicuro che riusciremo a mantenere anche in futuro gli attuali livelli di coinvolgimento degli utenti".

La fiducia per il futuro espressa da Totoki si riflette anche nella previsione del CFO di Sony sull'aumento delle scorte di PS5 nel 2022 che il dirigente del colosso nipponico quantifica in un +56% rispetto alle console distribuite globalmente nel corso dell'ultimo anno fiscale, colpito come tutte le aziende hi-tech dalla crisi dei semiconduttori.

Quanto è interessante?
5