Pokémon in aiuto alle persone con disturbi dello spettro autistico: ne parla Marco Romano

Pokémon in aiuto alle persone con disturbi dello spettro autistico: ne parla Marco Romano
di

Il blogger Marco Romano è un ragazzo appassionato di Pokémon che ha deciso di condividere la sua esperienza per discutere dell'importanza di questa serie come strumento di aiuto per giovani che, come lui, sono affetti da disturbi dello spettro autistico.

Nel suo approfondito intervento pubblicato sulle pagine di LinkedIn, il blogger ha raccontato la genesi della saga di Pokémon e ripercorso le tappe fondamentali del lungo viaggio intrapreso dagli Allenatori di tutto il mondo che, insieme a Pikachu e compagni, hanno vissuto avventure indimenticabili sulle piattaforme da gioco più disparate.

Come spiega Marco Romano nella splendida analisi che vi invitiamo caldamente a leggere (trovate il link in calce alla notizia), le interazioni con i Pokémon in contesti accessibili e familiari come quelli offerti dai videogiochi della serie lo hanno aiutato nel suo percorso di vita e potrebbero fare altrettanto per tutti coloro che desiderano superare le barriere dei disturbi dello spettro autistico.

Il blogger freelance entra poi nel merito degli aiuti offerti dai videogiochi di Pokémon (come Pokemon GO) per sensibilizzare l'opinione pubblica sul tema ed esortare i giovani affetti da disturbi analoghi a non abbandonare i propri sogni: "Dico a tutti ragazzi di Non Mollare e continuare a credere la vostra meravigliosa passione videoludica e dare il massimo alla condivisione, un modo da comunicare con altri che può diventare un bellissimo pensiero per tutti".

L'articolo di Marco Romano, a cui vanno i nostri più sentiti ringraziamenti per l'impegno la passione profusi, tocca poi argomenti altrettanto sensibili come il pericolo della dipendenza da videogiochi e le opportunità offerte dal gaming per abbattere gli ostacoli rappresentati dal distanziamento sociale.

Quanto è interessante?
2