Anche i Pokémon in aiuto dell'Ucraina: donati ben 200 mila dollari

Anche i Pokémon in aiuto dell'Ucraina: donati ben 200 mila dollari
di

Il conflitto tra Ucraina e Russia non ha lasciato indifferenti neppure le compagnie videoludiche, che in un modo o nell'altro hanno deciso di far sentire la propria voce a sostegno del popolo invaso.

Tra le più attive annoveriamo CD Projekt RED, responsabile di Cyberpunk 2077 e The Witcher 3: Wild Hunt, che dopo aver effettuato una donazione di 200 mila euro ha anche interrotto la vendita dei suoi videogiochi in Russia. In queste ore si è fatta avanti anche The Pokémon Company, che si è accodata all'azienda polacca effettuando una donazione di 200 mila dollari per sostenere gli aiuti umanitari forniti dall'associazione noprofit GlobaGiving.

"L'aggravarsi della crisi in Ucraina e nell'Europa Orientale, che sta costringendo all'evacuazione intere famiglie e continua a minacciare la sicurezza dei bambini, ha ormai determinato una situazione davvero straziante", si legge nel comunicato ufficiale. "The Pokémon Company International è pronta a donare la cifra di 200.000 dollari ai nostri partner di GlobalGiving per fornire sostegno umanitario. Questa associazione no profit provvederà a inoltrare tali fondi a delle organizzazioni comunitarie che si occupano di fornire aiuto alle famiglie e ai bambini coinvolti".

Nei giorni successivi all'inizio della guerra hanno fatto sentire la loro voce anche gli sviluppatori ucraini di Stalker 2, che si sono visti costretti a mettere in pausa lo sviluppo del loro gioco. EA Sports ha deciso di rimuovere la nazionale russa e i club russi da FIFA 22, mentre il Ministro ucraino per la Trasformazione Digitale Mykhailo Fedorov ha chiesto a Sony e Microsoft di interrompere i loro servizi gaming in Russia.

Quanto è interessante?
2