Pokémon Scarlatto e Violetto: come costruire una squadra iniziale fortissima

Pokémon Scarlatto e Violetto: come costruire una squadra iniziale fortissima
di

Pokémon Scarlatto e Violetto ha recepito un’accoglienza controversa su Nintendo Switch ma, ciò nonostante, ha attirato tantissimi nuovi utenti al brand, permettendo di poter mettere le mani su un’esperienza inedita anche a chi non ha mai avuto modo di provare un gioco targato The Pokémon Company e Game Freak.

Il giorno di lancio di Pokémon Scarlatto e Violetto è ormai arrivato dallo scorso 18 novembre 2022 e, proprio per questo, i tantissimi giocatori che hanno acquistato in anticipo il titolo della saga Pokémon più pre-ordinato di sempre stanno avendo modo di mettere piede nella vasta regione di Paldea. Tuttavia, l’approccio ad una nuova iterazione dei Pokémon non è mai semplice per i nuovi arrivati e, complice la complessità strutturale nel comprendere a pieno tutte le dinamiche – alcune di esse non vengono direttamente spiegate dal gioco -, il che potrebbe portare a molta confusione per i cosiddetti “novizi”. Il cammino da fare è molto lungo, ricco di insidie, tanti nuovi Pokémon da scoprire e da catturare, ma come costruire al meglio il proprio team iniziale?

Come costruire una buona squadra iniziale

Come accennato dalle precedenti parole, quindi, il nostro obiettivo è quello di giungere alla creazione di un team da battaglie Pokémon che sappia fronteggiare le esigenze della maggior parte dei giocatorisoprattutto di quelli meno esperti -, in modo da permettere un’esperienza di gioco quanto più agevolata da una schiera di compagni che sappia fronteggiare la maggior parte dei Pokémon avversari che si paleseranno dinnanzi a noi, quantomeno nel corso dele prime ore di gioco.

Prima di giungere all’accademia, infatti, ogni giocatore avrà a propria disposizione due Pokémon nel proprio team: lo starter che potrete scegliere tra tipo erba, fuoco ed acqua – vi rimandiamo alla sopracitata guida sul miglior starter, ma potete anche decidere di procedere con la suddetta scelta in base ai semplici gusti personali – e un Lechonk. Tuttavia, prima della suddetta accademia, sarà possibile completare la propria squadra, catturando un totale di sei Pokémon in modo tale da fronteggiare tutte le sfide che si presenteranno all’inizio. Qui di seguito vi elencheremo la selezione di Pokémon che agevolerà le vostre prime ore di gioco:

  • Diglett: l’iconico Pokémon di prima generazione potrebbe fare al caso vostro, soprattutto qualora foste interessati a rimuovere Lechonk dal vostro team. Diglett è un Pokémon di tipo terra, il che permette di counterare qualsiasi mossa di tipo elettro e, soprattutto, permette di usare alcune mosse molto potenti ed efficaci dal calibro di fossa. Qualora foste interessati a Diglett, tale Pokémon potrà essere catturato all’interno della Grotta della Baia, accessibile sin dalle primissime battute di gioco.
  • Wooper forma Paldea: il celebre Wooper, che abbiamo potuto apprezzare nel corso delle numerosissime generazioni videoludiche di Pokémon, è stato inserito nel macro insieme di creature disponibili su Pokémon Scarlatto e Violetto con una sua versione inedita. La forma Paldea di Wooper attribuisce al Pokémon un tipo terra-veleno, il che conferisce al sopracitato membro del team una buona versatilità del suo parco mosse contro i tipi erba. Wooper potrà essere trovato e catturato vicino al lago di East Los Platos, nei pressi del centro Pokémon.
  • Psyduck: qualora non abbiate scelto lo starter di tipo acqua, Quaxly, potrebbe essere conveniente optare per uno Psyduck come Pokémon acquatico che, tuttavia, può imparare anche mosse di tipo psichico. Anche in questo caso, si tratta di un’ottima scelta per la propria squadra, garantendo un grande successo contro tutti quei Pokémon che soffrono il tipo psichico e acqua. In più, tenendo conto di Wooper e Diglett, avere un’ottima risposta contro il tipo elettro, erba, fuoco ed altri ancora, vi garantirà un ottimo successo nel corso delle battaglie Pokémon.
  • Fletching: venendo meno alla scelta di Fuecoco, Fletching potrebbe rivelarsi come un’ottima risorsa per il proprio team, garantendovi l’accesso ad un parco mosse di tipo fuoco e volante che saprà dare diverse soddisfazioni e, soprattutto, una grande mano. Reperibile nei pressi del sentiero di Pocco, un fletching potrebbe svoltare definitivamente gli esiti dei primi scontri contro allenatori avversari.
  • Pichu: dopo avervi parlato della scelta di un Diglett per fronteggiare le mosse di tipo elettro, è arrivato il momento di inserire un Pokémon con quel genere di mosse all’interno del proprio team. Pichu fa proprio al nostro caso, visto che potrà essere incontrato proprio nei pressi di Mesagove, in cima ad una piccola collina lì vicino.
  • Gastly: l’ultimo Pokémon di cui parleremo in questa breve rassegna di compagni d’avventura per le primissime ore di gioco è Gastly, l’iconica pre-evoluzione di Haunter e Gengar che abbiamo potuto apprezzare sin dalla primissima generazione videoludica targata Pokémon. Incontrabile anch’egli nella stessa zona di Wooper forma Paldea, la presenza di mosse di tipo buio nel suo moveset saprà garantirvi tantissime soddisfazioni nel corso dell’esperienza di gioco, garantendovi il successo anche nei momenti di maggiore difficoltà.
Nel tentativo di aiutare i nuovi arrivati ad avvicinarsi al mondo Pokémon, anche in seguito al nostro articolo su qual è il miglior starter di Pokémon Scarlatto e Violetto, vogliamo suggerirvi come approcciarvi alla creazione della vostra squadra Pokémon, necessaria per poter affrontare al meglio le avventure che Paldea ha in serbo per tutti i giocatori.
Quanto è interessante?
3