Problemi di Cyberpunk 2077: lo sviluppo del gioco è iniziato solo nel 2015?

Problemi di Cyberpunk 2077: lo sviluppo del gioco è iniziato solo nel 2015?
di

Dopo aver sollevato un vero e proprio polverone mediatico con le sue rivelazioni sui problemi di Anthem, Jason Schreier intervista Marcin Iwinski e Adam Badowski di CD Projekt per ripercorrere le tappe del faticoso processo di sviluppo compiuto dal team polacco per realizzare Cyberpunk 2077.

Nel corso dell'intervista, il co-fondatore di CD Projekt e lo sviluppatore capo del progetto sci-fi di Cyberpunk 2077 hanno spiegato all'editore di Kotaku che i lavori su questo ambizioso kolossal ruolistico a mondo aperto sono iniziati solo del 2015, ossia dopo aver raggiunto la fase Gold di The Witcher 3: Wild Hunt ed averne provveduto al lancio su PC, PlayStation 4 e Xbox One.

Il periodo di pre-produzione, riferisce Schreier, è stato particolarmente difficile a causa dei problemi di natura logistica e direzionale affrontati da CD Projekt per spostare gradualmente il proprio team di sviluppo su Cyberpunk 2077.

I piani della software house polacca sono stati ulteriormente complicati dalle revisioni tecnologiche necessarie per sviluppare un titolo degno di essere definito autenticamente next-gen, nonostante sia destinato a uscire sui sistemi di questa generazione. A detta dello stesso Badowski, infatti, "è una storia che si ripete in tutto il settore, se stai cambiando tecnologia e allo stesso tempo stai producendo un gioco, questo passaggio diventa un vero incubo per la maggior parte delle aziende".

"Il passaggio da The Witcher 3 a Cyberpunk è stata inizialmente la parte più difficile", ribadisce Iwinski spiegando che "molte di queste cose devono essere ancora definite. Abbiamo una demo che è una sorta di cristallizzazione di quella visione, serviva a dimostrare che era lì". Nella medesima intervista a Kotaku, Iwinski ha promesso orari lavorativi più umani in vista del lancio di Cyberpunk 2077: appuntamento all'E3 2019 di metà giugno, quindi, per capire cosa hanno in mente gli autori polacchi e quando potremo immergerci nelle atmosfere distopiche del loro GDR sci-fi su PC, PS4 e Xbox One.

FONTE: Kotaku
Quanto è interessante?
16