Quali programmi si usano per sviluppare videogiochi?

Quali programmi si usano per sviluppare videogiochi?
di

Il mercato videoludico è in costante crescita in tutto il mondo da anni, tanto da riuscire a diventare complessivamente più profittevole di qualunque altro mercato all’interno dell’intero settore dell'intrattenimento, compresa l’industria cinematografica.

Questa crescita continua e vertiginosa ha spinto negli anni un numero sempre maggiore di sviluppatori indipendenti a provare a creare i propri videogiochi, dando forma e sostanza ad idee spesso molto più fresche e originali di quelle proposte da titoli tripla A ad alto budget nonostante un team di sviluppo formato, nella maggior parte dei casi, da poche decine di persone, se non addirittura sviluppatori solitari.

Questa enorme proliferazione di videogiochi cosiddetti indie negli ultimi anni è stata resa possibile soprattutto dalla facilità con cui è attualmente possibile reperire dei kit di sviluppo con cui dedicarsi alla programmazione dei propri videogiochi, molti dei quali sono addirittura gratuiti e richiedono degli esborsi economici solamente nel caso in cui vogliate utilizzarli a scopo di lucro. Ecco quindi quali sono i principali programmi utilizzati per lo sviluppo di prodotti videoludici: per molti di essi sono disponibili corsi online, tra i quali è però bene riuscire a distinguere quelli effettivamente validi, documentazioni ufficiali delle aziende che hanno sviluppato quei programmi, oppure ancora corsi specifici all’interno di scuole che si dedicano all’argomento.

Unreal Engine 4
Il motore di gioco di Epic Games, ormai da anni famosissimo e arrivato ormai alla sua quarta edizione sul mercato (mentre è in via di conclusione lo sviluppo del nuovo motore next gen Unreal Engine 5), è utilizzato da moltissimi studi di sviluppo poiché permette di gestire moltissimi aspetti e fasi dello sviluppo di un videogioco in modo semplice, guidato e flessibile, mantenendo al contempo un’elevata qualità grafica e tecnica, sfruttando tutte le più moderne tecnologie per fornire ogni opzione agli sviluppatori.

Unity
Unity è un motore che può essere utilizzato come alternativa ad Unreal Engine: nato come motore grafico gratuito ed editor di contenuti con minori potenzialità rispetto ai concorrenti, soprattutto in termini di resa visiva e tecnica, per favorire la flessibilità e la semplicità d’uso, Unity negli anni è cresciuto fino ad integrare tutte le moderne tecniche e opzioni di sviluppo, anche grazie a partnership illustri come quella con Microsoft.

Blender
Blender è uno dei tanti programmi, disponibile in formato completamente gratuito, che possono essere utilizzati per creare e modificare modelli tridimensionali di oggetti, personaggi e ambientazioni, con tanto di animazioni, mesh e texture applicate ad essi. Dopo aver completato il modello che vi serve potrete decidere di esportarlo per poi utilizzarlo all’interno di un altro programma, tra cui i sopracitati Unreal Engine e Unity. A partire dagli ultimi aggiornamenti del programma, Blender permette addirittura di creare intere sequenze video a partire dai vostri modelli con l’applicazione di numerosi effetti grafici e visivi differenti, tra cui la possibilità di modificare l’intera scena per creare effetti di cel-shading e tanto altro ancora.

Programmazione
Oltre a programmi specifici per creare ambientazioni, modelli, cutscene, animazioni e la struttura del vostro gioco, avrete probabilmente bisogno di utilizzare anche uno o più linguaggi di programmazione durante il ciclo di sviluppo del vostro videogioco. Questo perché, nonostante la grande flessibilità raggiunta dai motori di gioco e degli editor moderni, per creare alcune sequenze di gioco particolari, come sequenze scriptate, oppure per programmare determinati aspetti della vostra opera, potreste aver prima o poi bisogno di utilizzare direttamente un linguaggio di programmazione. Alcuni dei più gettonati per lo sviluppo di videogiochi sono Java, C (nelle sue diverse versioni) o XML.

Quanto è interessante?
7