di

In una recente intervista il CEO di Immersion, l'azienda che si è occupata di creare la tecnologia che permette di avere feedback aptico nel DualSense, ha dichiarato la volontà di Sony di puntare molto sulle funzionalità del controller e su altri aspetti che aumentano il coinvolgimento nei titoli PlayStation 5.

Stando alle parole di Ramzi Haidamus, questa decisione del colosso giapponese sarebbe dovuta all'assenza di un vero e proprio balzo in avanti per quello che riguarda il comparto tecnico tra PS4 e PS5, dal momento che Sony è convinta di aver raggiunto un livello di fedeltà audio-visiva che difficilmente potrà essere superato.

Ecco di seguito le parole del CEO di Immersion:

"Crediamo che Sony abbia svolto negli anni un lavoro eccelso per quello che concerne il comparto audio. Da quel punto di vista, l'esperienza ha raggiunto il livello più alto possibile. In altre parole, è difficile riuscire a fare di meglio. Lo stesso discorso lo si può applicare al comparto visivo, dal momento che la grafica verrà sì migliorata da PS4 a PS5, ma non ci sarà una differenza così marcata. Ed è proprio per questo motivo per il quale crediamo che Sony e altre compagnie stiano iniziando a concentrare la propria attenzione sul feedback aptico. È un modo per rendere l'esperienza di gioco ancora più coinvolgente."

Insomma, pare che l'azienda creda molto in questa tecnologia e voglia fare il possibile per renderla uno standard non solo sulla console di prossima generazione Sony ma anche sulle altre piattaforme.

A proposito del controller di PS5, sapevate che anche Deathloop supporterà le funzionalità esclusive del DualSense?

FONTE: wccftech
Quanto è interessante?
15