di

Approfittando dell'arrivo del nuovo aggiornamento PS5 di aprile, il collettivo di Digital Foundry ha condotto degli interessanti test sulle velocità di caricamento raggiungibili eseguendo i giochi PS4 retrocompatibili su memorie esterne tra SSD, NVMe e hard disk meccanici.

I risultati prodotti dagli ormai celebri "giornalisti tecnoludici" legati a Eurogamer.net mostrano i tempi medi di caricamento e installazione dei giochi PS4 su dischi esterni dopo l'arrivo dell'ultimo firmware di PlayStation 5. Le prove condotte da DF coinvolgono l'hard disk meccanico Seagate da 5TB, l'SSD SATA Samsung 870 QVO e la memoria a stato solido NVMe Samsung 980 Pro.

I test effettuati da Digital Foundry sembrano fornire risultati del tutto analoghi a quelli delle analoghe prove condotte nei mesi scorsi sugli hard disk esterni e sulle potenzialità dell'SSD di PS5 e Xbox Series X/S. Similarmente a quanto sperimentato sulla piattaforma next gen di Microsoft, infatti, anche nel caso della nuova console ammiraglia di Sony l'architettura hardware garantisce un accesso privilegiato ai dati riversati su memorie a stato solido, a tutto vantaggio della velocità di caricamento e di installazione.

In assenza (per ora) del supporto allo slot interno per memorie NVMe supplementari su PS5, la macchina next gen dell'azienda giapponese sfrutta marginalmente i benefici offerti da questa nuova tipologia di dischi: ne consegue quindi che, a parità di connessione USB, il vantaggio prestazionale garantito da un disco NVMe esterno rispetto ad un SSD (di qualità analoga) risulta essere limitato. Date un'occhiata al video di DF e diteci che cosa ne pensate al riguardo.

Quanto è interessante?
7