di

Con il debutto del VRR su PlayStation 5 grazie alla pubblicazione di un recente firmware, era solo questione di tempo prima che Digital Foundry si dedicasse ad un confronto tra le console di ultima generazione Microsoft e Sony in merito alla gestione di questa funzionalità.

Il team di esperti del canale YouTube molto noto al grande pubblico ha di recente effettuato una serie di attenti test con l'obiettivo di mettere a confronto il comportamento del VRR di PlayStation 5 e Xbox Series X. La prima grande differenza tra le due macchine consiste nel numero di dispositivi compatibili, elemento nel quale Xbox ne esce vincitrice grazie al supporto non solo dei pannelli con HDMI 2.1, ma anche di quelli AMD FreeSync. Nel caso di PlayStation, invece, non vi è modo di usufruire dei benefici del VRR a meno che non si abbia di fronte una TV con HDMI 2.1. Altra carenza della console Sony è legata all'assenza del Low Framerate Compensation (LFC), tecnologia che permette di non avere problemi di visualizzazione quando il framerate oscilla al di fuori dei valori coperti dal VRR. In questo caso, però, il problema è solo relativo e molti sviluppatori (inclusa Insomniac Games con il suo Marvel's Spider-Man) stanno compensando tale mancanza con patch in grado di implementare un sistema che imiti l'LFC, garantendo un'esperienza di gioco priva di problemi. Altra problematica esclusiva di PS5 consiste nell'impossibilità su alcuni pannelli di utilizzare VRR e local dimming contemporaneamente.

Per tutto il resto, il VRR di PS5 si comporta egregiamente e, stando alle prove di Digital Foundry, si ottengono ottimi risultati anche nella quasi totalità dei giochi che non supportano ufficialmente il VRR grazie all'apposita opzione dell'ultimo firmware, che permette di abilitare la funzionalità su qualsiasi software giri sulla macchina (a patto che sia in versione PlayStation 5).

Avete già visto il VRR di PS5 alla prova in Spider-Man Remastered, Ratchet & Clank e altri giochi?

Quanto è interessante?
9