PS5 e Xbox Series X: un analista prevede prezzi alti e vendite basse per il Coronavirus

PS5 e Xbox Series X: un analista prevede prezzi alti e vendite basse per il Coronavirus
di

Nel corso di un'intervista concessa a GameDaily.biz, l'analista Daniel Ahmad ha sottolineato come, secondo lui, l'emergenza Coronavirus avrà un impatto negativo sulle vendite iniziali di PS5 e Xbox Series X, e questo a prescindere dall'andamento della pandemia o dalle tempistiche di commercializzazione delle console.

L'analista senior di Niko Partners, particolarmente attivo sui social e conosciuto dagli appassionati di videogiochi con il suo nome da battaglia di ZhugeEX, spiega che circa il 90% delle componenti hardware delle console viene importato negli Stati Uniti dopo essere stato prodotto in Cina.

I problemi causati dall'emergenza Coronavirus con il blocco della catena di approvigionamenti potrebbe perciò scatenare un effetto a cascata sull'intera strategia commerciale e comunicativa di Sony e Microsoft per il lancio di PS5 e Xbox Series X: "La scarsità di componenti e i problemi logistici aumenteranno i costi di produzione e di spedizione delle console nextgen in arrivo a fine anno. A questo punto, è improbabile che entrambe vengano vendute a 400 dollari o meno senza comportare delle perdite significative. Oltretutto, i ritardi nell'uscita dei giochi, l'imminente recessione economica, la natura crossgen dei titoli accessibili al lancio e i prezzi più alti da sostenere per l'acquisto delle console potrebbero fornire meno incentivi per gli utenti ad aggiornare subito il proprio sistema".

Di diverso avviso sembra essere invece il collega analista Michael Pachter, secondo cui Microsoft deciderà di adottare una strategia aggressiva e di lanciare Xbox Series X ad un prezzo basso per incentivarne la diffusione nella speranza, così facendo, di rientrare della perdita dovuta alla (probabile) vendita sottocosto della console.

Quanto è interessante?
14