Psyonix: Rocket League 2 non arriverà, preferiamo il modello Game as a Service

Psyonix: Rocket League 2 non arriverà, preferiamo il modello Game as a Service
di

Psyonix si è dichiarata poco interessata alla realizzazione di un ipotetico sequel di Rocket League. A quanto pare, la software house preferisce continuare a concentrarsi sulla continua espansione ed evoluzione del suo particolare titolo che unisce calcio e automobilismo già disponibile su PC, PS4, Xbox One e Switch.

"Il game as a service è una cosa preferibile da fare", ha dichiarato il game director di Rocket League, Scott Rudi. "La cosa più importante nel nostro gioco sono i fan. Tanto del contenuto che produciamo è legato alla volontà di tenerli con noi. Tenere vivo l'interesse e l'entusiasmo per il nostro gioco. Vogliamo proporre un'esperienza di gameplay di alta qualità per i prossimi anni a venire, vogliamo che la cosa continui.

Non saprei cosa fare con Rocket League 2. Piuttosto, preferisco continuare ad espandere il Rocket League esistente. Sta andando molto bene e ci aspetta ancora molto altro. Quindi no, non abbiamo alcun piano per Rocket League 2".

Sempre più titoli multiplayer online stanno abbracciando questo tipo di filosofia, e la scelta di Psyonix, dato anche il successo costante di Rocket League, appare abbastanza sensata. Voi cosa ne pensate? Preferieste invece l'arrivo di un possibile Rocket League 2, che magari potrebbe beneficiare di ulteriori miglioramenti dal punto di visto tecnologico? Cogliamo l'occasione per ricordarvi che Rocket League si appresta ad accogliere il Rocket Pass, un sistema di ricompense ispirato a quello di Fortnite.

Quanto è interessante?
7