di

Scambiando quattro chiacchiere con i giornalisti di Game Informer, il leggendario sviluppatore di id Software Tim Willits ha illustrato l'esperienza di gioco di RAGE 2 e spiegato cosa intende fare per superare definitivamente le contraddizioni dell'episodio originario.

Secondo Willits, il solo fatto che RAGE 2 sarà caratterizzato da una sola, enorme mappa completamente esplorabile (a differenza di quanto sperimentato dai giocatori del primo titolo), contribuirà a superare alcune delle problematiche che hanno afflitto le dinamiche sparatutto e la progressione narrativa del capitolo precedente, consentendo agli sviluppatori di creare un'esperienza di gioco più coesa e soddisfacente.

A tal proposito, per rendere ulteriormente l'idea dei cambiamenti apportati dagli autori di id Software e degli studi Avalanche alla formula ludica del primo titolo, lo stesso Willits non si nasconde nel definire il RAGE originario come una tavolozza di colori piuttosto monotona e composta da "cinquanta sfumature di marrone".

RAGE 2, diversamente dal suo diretto antesignano, includerà invece dei biomi multipli e uno stile di gioco volutamente "sopra le righe", seppur brutale e frenetico come ogni buon progetto id Software che si rispetti: anche per questo, assicura Tim Willits, non servirà giocare il capitolo precedente per capire cosa succederà nella storia del secondo atto, il cui lancio è previsto per il 14 maggio su PC, PlayStation 4 e Xbox One.

Quanto è interessante?
5