Ratchet & Clank Rift Apart è finito al centro di una console war senza alcun motivo

Ratchet & Clank Rift Apart è finito al centro di una console war senza alcun motivo
di

Il web, a volte, sa essere un posto ben poco ospitale. Noi che viviamo di videogiochi lo sappiamo fin troppo bene, dal momento che spesso e volentieri ci imbattiamo in accese discussioni e litigi tra gruppi di fan che parteggiano per una console o un videogioco in particolare, trasformando una passione in una competizione senza alcun motivo.

Nella giornata di ieri, senza volerlo, i ragazzi di Insomniac Games hanno scatenato una piccola console war con un innocuo tweet promozionale dedicato a Ratchet & Clank Rift Apart, che tra pochissime settimane approderà in esclusiva su PS5. Come potete vedere in calce a questa notizia, stiamo parlando di un uno screenshot del gioco accompagnato dalla frase: "Quei bot non sapranno neppure chi li ha colpiti".

Cosa c'è di strano, vi starete chiedendo? Cos'hanno fatto di male quei poveri bot destinati alla rottamazione? Ebbene, una certa frangia di utenza si è sentita chiamata in causa ed ha subito attaccato Insomniac Games, e il motivo è tanto semplice quanto assurdo: negli anni scorsi il popolo del web che tifa PlayStation ha coniato il termine "xbot" per riferirsi a quelle persone che parteggiano ciecamente per Microsoft (c'è un termine anche per la "fazione" opposta, ed è "sony pony"). Alcuni utenti, nel leggere il tweet di Insomniac Games, c'hanno visto un velato attacco agli "xbot", dando così vita ad una delle console war più assurde degli ultimi tempi.

"Beh, adesso sappiamo perché la community PlayStation è così tossica. C'è uno studio first party che alimenta i troll", ha scritto un utente. "Strano, lo scudo di un bot ha una X su di esso. Questo mi fa pensare", ha detto un altro giocatore che crede d'aver visto chissà che. E poi ancora: "LMAO Insomniac, ho visto cosa hai fatto" oppure "Sony sta promuovendo la stupidità dei fanboy con le sue "intelligenti" parole. È solo una delle ragioni per le quali non sono un loro fan, anche il marketing è tossico". C'è anche chi ne ha fatto una questione di risoluzione e framerate: "Almeno quando giocherò le esclusive Xbox quest'anno lo farò a 4K e 120fps lmao".

Insomma, avete capito l'andazzo. I bot fanno parte della serie Ratchet & Clank da sempre, ed è assurdo che sia servito un intervento del Community Manager di Insomanic Games, Aaron Jason Espinoza, per spiegare che non c'era alcuna intenzione di attaccare i fan di una console concorrente: "Lo abbiamo scritto in riferimento ai nemici che incontrerete nel gioco. Qualsiasi lettura differente da questa non ha senso. Rilassatevi".

Ratchet & Clank Rift Apart, ricordiamo, verrà lanciato l'11 giugno in esclusiva PlayStation 5. Già che ci siete, potete dare un'occhiata alla lista dei trofei di Ratchet & Clank Rift Apart, fresca di pubblicazione.

Quanto è interessante?
11