Red Dead Redemption 2: trama, personaggi e gameplay, tutto quello che c'è da sapere

Red Dead Redemption 2 Spiegato Bene
Speciale: Multipiattaforma
di

Di recente abbiamo avuto il privilegio di visitare in esclusiva italiana gli studi di Rockstar Games, dove ci è stata presentata una demo del nuovo, magnifico Red Dead Redemption 2. Come confermato dalla nostra esaustiva anteprima, il nuovo gioco del team statunitense sembra seriamente intenzionato a riscrivere il canone degli open-world.

L’epopea western di Arthur Morgan si preannuncia assolutamente rivoluzionaria, mettendo in mostra un valore creativo e produttivo che, nel panorama videoludico attuale, conosce pochi paragoni. Considerata la portata epocale dei cambiamenti introdotti in questo sequel, abbiamo deciso di riassumere in breve le principali caratteristiche della produzione. Salite in groppa al vostro fedele destriero e galoppate con noi verso gli immensi orizzonti della frontiera.

Red Dead Redemption 2 è un prequel: la storia si ambienta nel 1899, al tramonto dell’epoca della frontiera. Il giocatore impersonerà Arthur Morgan, un membro della banda di Dutch, l’antagonista del primo capitolo. L’obiettivo di Rockstar è quello di far sentire il giocatore parte integrante di un manipolo di fuorilegge. La base operativa del gruppo sarà un bivacco itinerante che si sposterà tra i vari territori del West, e in cui il protagonista potrà incontrare i propri compagni d'avventura. Sarà qui che si potranno pianificare le rapine ai treni, le scorrerie alle banche cittadine, o le battute di caccia per rimpinguare le scorte di cibo dell'accampamento.

Red Dead Redemption 2 prova a cambiare in modo radicale l’approccio al mondo di gioco, creando un ambiente dinamico, interattivo e ricco di stimoli, in cui ogni azione sarà più realistica e contestualizzata. Dopo essere andati a caccia, ad esempio, dovremo caricare le pelli degli animali sulla sella del nostro cavallo per riportarle al campo base. Inoltre, non ci sarà data la possibilità di equipaggiare un grosso quantitativo di armi come nel precedente capitolo. Avremo infatti l’opportunità di trasportare solo le bocche da fuoco che potremo appendere alla schiena, o sulla sella del destriero.

L’intelligenza artificiale del titolo è straordinaria. Ora le reazioni dei NPC saranno molto più varie e diversificate. Arthur potrà persino interagire con ogni singolo personaggio incontrato nel corso dell’avventura, parlando con lui e scegliendo quale atteggiamento tenere nei suoi confronti. Potremo rimanere indifferenti, oppure minacciarlo o ancora risultare accondiscendenti. A seconda del contesto e delle disposizioni del nostro interlocutore, il gioco genererà un dialogo e determinerà le reazioni del personaggio.

I caratteri dei vari NPC saranno piuttosto eterogenei: ogni incontro, insomma, potrà trasformarsi in una storia, e ogni storia avrà un esito potenzialmente unico e imprevedibile. E questo significa, ovviamente, una maggiore libertà interpretativa nello sviluppo delle missioni, in cui potremo decidere ora di usare le maniere forti, ora di completare l’incarico in maniera più diplomatica. Ad un primo sguardo, le sparatorie sembrano molto simili a quelle saggiate in GTA V, tuttavia non mancano alcune novità anche per quanto riguarda il sistema di controllo. Alla pressione del dorsale del pad non corrisponde un colpo sparato: tenendo premuto il tasto, Arthur si limita a sollevare il cane del revolver, pronto a rilasciarlo e quindi a far fuoco solo quando il giocatore molla la presa.

Red Dead Redemption 2 avrà una componente multiplayer: ancora non ne conosciamo le caratteristiche, ma è probabile che alcune feature vengano recuperate da GTA Online. Immaginate, ad esempio, i "colpi" di Grand Theft Auto traslati in salsa western. Arthur Morgan avrà un proprio sistema di progressione: potrà insomma aumentare le sue capacità con le armi o la sua abilità in sella al cavallo, in modo simile a come avveniva per Michael, Trevor e Franklin. Ci sarà anche un semplice sistema di crafting, non troppo elaborato né prioritario nell'economia di gioco, che ci darà comunque l'occasione di sfruttare alcune delle risorse accumulate durante il viaggio. Il comparto visivo è sbalorditivo, con una costruzione scenica evocativa e ricchissima di dettagli. Sublime anche l’accompagnamento sonoro, capace di creare un’atmosfera sfaccettata e mutevole.

Questi sono, per ora, gli elementi distintivi di questo nuovo open world a marchio Rockstar: non vediamo l’ora di conoscere ulteriori dettagli, e di esplorare più a fondo le vaste e selvagge praterie del vecchio West. Red Dead Redemption 2 sarà disponibile dal 26 ottobre 2018 su PlayStation 4 e Xbox One, i preordini sono ora aperti su Amazon.it e Rockstar Store.

Quanto è interessante?
14