Remedy: il destino di Alan Wake e Quantum Break dipende da Microsoft

Remedy: il destino di Alan Wake e Quantum Break dipende da Microsoft
di

Tero Virtala, CEO di Remedy, è stato recentemente intervistato da GamesIndustry e in questa occasione ha parlato tra le altre cose degli eventuali sequel di Quantum Break e Alan Wake, spiegando come il tutto dipenda quasi esclusivamente da Microsoft.

Queste le dichiarazioni del CEO dello studio finlandese: "Alan Wake è stato un progetto decisamente interessante per noi, frutto di una importante collaborazione con Microsoft, ma per vari motivi non ha mai avuto un sequel. Per quanto riguarda Quantum Break, abbiamo lavorato duramente per creare questo universo narrativo ma l'IP appartiene a Microsoft e loro hanno deciso di non proseguire oltre..."

Da tempo si parla di possibili sequel per Alan Wake e Quantum Break, nel primo caso alcuni prototipi sarebbero pronti ormai da anni mentre per quanto riguarda Quantum Break 2 non ci sono dettagli ma alcuni insider confermano l'esistenza del progetto.

Remedy non si è mai espressa a riguardo e si è limitata più volte a confermare che "attualmente la priorità dello studio è quella di portare a termine i lavori su Control".

Quanto è interessante?
4