Resident Evil e DMC, Capcom sotto accusa: causa milionaria per violazioni copyright

Resident Evil e DMC, Capcom sotto accusa: causa milionaria per violazioni copyright
di

Mentre il fascino orrorifico di Lady Alcina Dimitrescu continua a permeare Resident Evil: Village, Capcom si ritrova coinvolta in una causa legale milionaria.

In seguito al grave attacco hacker rivolto a Capcom nel corso del novembre 2020, moltissime informazioni riservate legate alle attività della compagnia hanno trovato diffusione in rete. A mesi di distanza, proprio dal furto informatico si genera ora una situazione decisamente complessa. Consultando il materiale trapelato in rete, la designer Judy A. Juracek ha accusato Capcom di aver utilizzato sue opere senza autorizzazione.

Nello specifico, l'accusa coinvolge gli scatti inclusi nel volume "Surfaces", uno studio di oltre 1.200 fotografie legato a superfici, texture e molto altro. Proposta con in allegato un CD-ROM contente l'intera collezione di scatti, la rassegna può essere utilizzata a fini commerciali unicamente previa concessioni di copyright da parte della designer. Tuttavia, Judy A. Juracek accusa Capcom di aver fatto utilizzo degli scatti senza richiedere alcuna autorizzazione.

Di conseguenza, l'artista ha intentato una causa legale contro la compagnia videoludica, per un ammontare di oltre 12 milioni di dollari. Le oltre 200 casistiche citate da Judy A. Juracek coinvolgono diversi giochi Capcom, da Resident Evil 4 a molteplici capitoli della saga di Devil May Cry. Interrogata dalla redazione di Polygon sulla vicenda, Capcom ha dichiarato tramite portavoce di essere "consapevole della causa" e di "non avere alcun commento da condividere".

FONTE: Polygon
Quanto è interessante?
10
Resident Evil VillageResident Evil Village