No Rest for the Wicked avrà molti contenuti single player, l'online non sarà obbligatorio

No Rest for the Wicked avrà molti contenuti single player, l'online non sarà obbligatorio
di

Sebbene il concept alla base di No Rest for the Wicked preveda la collaborazione tra avventurieri tramite la componente online, gli sviluppatori di Moon Studios, noti per la serie di Ori, hanno rassicurato coloro che cercano un'esperienza in solitaria e non desiderano vincoli legati all'online.

Il co-fondatore e direttore tecnico e produttivo di Moon Studios, Gennadiy Korol, ha rivelato che No Rest for the Wicked non richiederà alcuna connessione online per giocare in modalità single player. Per chi è invece interessato agli elementi co-op, il team di sviluppo consentirà di giocare con un massimo di tre amici su un server condiviso.

Inoltre, Korol afferma che il gioco presenterà "una ricca modalità offline" per coloro che non sfrutteranno gli elementi multiplayer. "Anche se No Rest for the Wicked è stato creato da zero pensando al multiplayer, non volevamo che il gioco offline sembrasse raffazzonato e vogliamo che le persone siano sempre in grado di giocare anche quando la qualità della connessione non è sempre ideale", ha dichiarato Korol su X|Twitter. "Il nostro [lancio in accesso anticipato su PC] del 18 aprile si concentrerà sull'esperienza per giocatore singolo e condivideremo maggiori dettagli sull'aspetto multiplayer più avanti nella nostra campagna di accesso anticipato".

Per scoprire di più su quanto gli sviluppatori daranno in pasto ai giocatori durante a partire dal 18 aprile, vi consigliamo di dare uno sguardo alla roadmap dell'Early Access di No Rest for the Wicked.

Questo testo include collegamenti di affiliazione: se effettui un acquisto o un ordine attraverso questi collegamenti, il nostro sito potrebbe ricevere una commissione in linea con la nostra pagina etica. Le tariffe potrebbero variare dopo la pubblicazione dell'articolo.

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
Unisciti all'orda: la chat telegramper parlare di videogiochi