Return to Monkey Island: un ritorno all'insegna dell'eccellenza

di

Era il 1991 quando Ron Gilbert poneva la firma su Monkey Island 2 LeChuck's Revenge: la serie è poi proseguita senza di lui, che nei decenni successivi si è concentrato su altri progetti. Adesso il creatore originale è tornato al timone della nave, riportando in auge il brand con l'esordio dell'attesissimo Return to Monkey Island.

Disponibile a partire dal 19 settembre 2022 su PC e Nintendo Switch, come è andato questo attesissimo ritorno? Sembra proprio che Gilbert abbia fatto ancora una volta pieno centro, toccando le vette dell'eccellenza e ricordandoci perché le avventure di Guybrush Threepwood hanno lasciato un segno profondo nel cuore di chi le ha vissute all'epoca.

Come evidenziato nella nostra recensione di Return to Monkey Island, il nuovo episodio è un concentrato di nostalgia e contemporaneità, capace di riproporre con successo tutto ciò che rese intramontabili i primi due giochi del brand e renderli perfettamente attuali. Gli enigmi sono tanti, creativi ed ingegnosi come un tempo, che stimolano i giocatori a riflettere con attenzione e pensare anche fuori dagli schermi per trovare la soluzione ad ogni rompicapo. Ci sono degli aiuti, così come una modalità semplificata che rende accessibile l'avventura a chiunque, ma il meglio Return to Monkey Island lo offre giocando alla maniera classica. Ed è proprio così, con un approccio "old-school", che Monkey Island ci ricorda anche in quest'occasione perché è diventato un nome storico.

A valorizzare il tutto, uno stile grafico che, nella sua particolarità, conferisce grane caratterizzazione alla vecchia, nuova Melee Island, mentre l'accompagnamento musicale mette ulteriormente in risalto le atmosfere esilaranti ed umoristiche che permeano la produzione, mettendo il punto esclamativo su un prodotto imperdibile.

Return to Monkey Island sarà il capitolo conclusivo della serie? Gilbert sembra escluderlo, ma precisa anche che un nuovo gioco potrebbe non necessariamente vederlo coinvolto. Ma questo è il futuro: godiamoci adesso il presente.

Quanto è interessante?
4